Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origin of last name Piccolomini, country of origin: Italia

Nobility: Conti - Nobili - Principi
Heraldrys of family: Piccolomini
Nobility crown Piccolomini Ha per capostipite Bartolomeo, di Piccolomo, di Montone, che nel 1226 trattò col castellano di S. Miniato per conto del Comune di Siena, e, mentre era console di Mercanzia, riconsegnò alla Repubblica il castello di Orgia. Fu consigliere pel terzo di S. Martino nel 1230 e 1237 e provveditore di Biccherna nel 1234. Da suo fratello Rustichino discendono i Piccolomini Carli e i Piccolomini Clementini. Guglielmo, di Bartolomeo, fu consigliere nel 1250 . Fu ufficiale della Parte Guelfa e come tale presenziò nel 1267 alla pace fra il Comune di Siena e i guelfi. Guglielmo, di Guglielmo, si trova... To be continued
nel 1280 fra coloro che promisero di osservare la pace fra guelfi e ghibellini e nel 1290 e 1307 fu consigliere della Repubblica. Insieme al figlio Meuccio vende al Comune di Siena, nel 1319, il castello di Castiglion d'Orcia, che detto Meuccio aveva comperato due anni prima dallo stesso Comune. A Siena vendette pure la Selva del Lago e poi Borgo della Rocca e Pietra di Albegna. Dai due fratelli di Guglielmo prendono origine due altre linee Piccolomini; da Conte quelli di Modanella, da Salomane i Salamoneschi, oggi d'Aragona e Naldi Bandini. Enea di Guglielmo, si trova ricordato in un atto del 1318, si ammogliò con Bice Piccolomini nel 1325 e aveva beni a Corsignano. Nel 1349 fu podestà di Massa e nel 1353 fu fatto arbitro per decidere le questioni insorte fra Perugia e Montepulciano e poi fra Siena e il signore di Cortona. Si trovano ricordati vari fratelli di Enea, tutti proprietari di case e di terre in Corsignano. Silvio, di Enea, si trova aver sposato nel 1369 e il di lui figlio Silvio nel 1405; ambedue sono nominati in molti atti di compre e vendite fate nei territori di Corsignano e Batignano, ma non sembrano aver occupato cariche pubbliche. Il secondo Silvio era figlio postumo e sua moglie fu Vittoria Forteguerri; da questo matrimonio nacque Enea Silvio. Fece ottimi studi e nel 1431, a soli ventisei anni, fu preso in qualità di segretario del cardinale Capranica al Concilio di Basilea. Papa Felice V lo assunse come suo segretario particolare e nel 1442 fu chiamato dall'imperatore Federigo III, che avendolo fatto suo segretario lo mandò ambasciatore a Roma, a Napoli, a Milano, in Boemia e presso alle tre corti e l'onorò della corona poetica. Niccolò V gli dettePio II.

Buy a heraldic document on family Piccolomini

Coat of Arms of family: Piccolomini

Coat of Arms of family Piccolomini

1 Blazon of family Piccolomini

D'argento alla croce d'azzurro caricata di cinque lune montanti d'oro; col capo d'oro all'aquila spiegata di nero coronata del campo.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, pag. 431-2, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Buy Coat of Arms of family

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2015 - 2016 Heraldrys Institute of Rome