Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Pisani Dossi, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldik die Familie: Pisani Dossi
Krone des Adels Pisani Dossi Famiglia lombarda, originaria di Alessandria, ove si trovano notizie sin dal secolo XIII e credesi abbia avuto comune origine con la famiglia omonima di Venezia. Il Ghilini negli "Annali di Alessandria" cita i Pisani nel 1225, elencati fra le famiglie ghibelline del quartiere di Borgoglio, e negli anni successivi. Nel 1417 aderirono al partito detto di Casa Ducale cui, per privilegio del duca Filippo Maria Visconti del 9 gennaio di detto anno, era concesso il diritto di portare l'arma dei duchi di Milano. Fecero parte dei 208 del consiglio generale della città; un Martino nel 1470, un altro Martino nel... Fortsetzung folgt1541 e 1553, ed Emanuele, suo figlio, nel 1558 furono degli Anziani. Questo Emanuele prese dimora a Milano, fu aggregato a quella cittadinanza e nel 1573 fu ascritto al Collegio dei giureconsulti causidici notarili. Furono suoi figli: Martino, console di giustizia ed abate del predetto collegio e defunto senza lasciare successione; Lodovico che fu il capostipite del ramo di Milano; Michele, che fu capostipite del ramo di Pavia, ove si trasferì nel 1631. Il figlio di Lodovico, Paolo, fu sindacatore del capitano di giustizia delle Langhe e del marchesato di Finale, nonchè luogotenente del giudice della Moneta nel ducato milanese. Il ramo primogenito milanese si estinse con Giovanni, di Lodovico, di Giuseppe, e che adottò il figliastro conte Napo Bertoglio. Sulla discendenza del ramo pavese (che ora vive a Milano) diremo brevemente. Ottavio, f. di Contardo (qm Antonio qm Michele), fu commissario e pretore o podestà del luogo di Stradella negli Stati Sardi e sposò Lodovica Sozzi: da loro nacque il 6 dic. 1684 Lorenzo, che fu giureconsulto collegiato e unì al suo cognome quello di Dossi. Carlo, f. di Lorenzo (n. 22 novembre 1715), sposò il 21 gennaio 1743 la nob. Matilde Maria Oleario di Belagente ed ebbe vari figli, fra cui Gelasio Vincenzo (n. 4 dicembre 1746, dec. 2 dicembre 1792), sp. a Pavia il 10 febbr. 1777 alla nob. Maria Rosalia dei baroni de Holly di Niedermensdorf (f. di Guis. Federico), il quale (insieme al fratello Enrico e alla moglie) fu il 7 maggio 1785 ammesso agli onori della Regia Arciducal Corte. Con I.R.D. 24 ott. 1771 del tribunale Araldico della Lombardia austriaca riconosciuta l'antica nobiltà e ordinata la iscrizione nel catalogo delle famiuardia nobile e austriaca. Lo stemma della famiglia Pisani Dossi è: Di rosso al leone coronato d'oro tenente con la branca anteriore destra una spada d'argento guernita d'oro, all'insù, in sbarra; col capo di azzurro carico di una colomba volante, tenente nel becco un ramoscello d'olivo, il tutto al naturale e sormontata da un breve d'argento, svolazzante in fascia, scritto col Motto: Pax candida fortis.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Pisani Dossi

Familien-Wappen: Pisani Dossi

Familien-Wappen Pisani Dossi

1 Blasonierung die Familie Pisani Dossi

Di rosso al leone coronato d'oro tenente con la branca anteriore destra una spada d'argento guernita d'oro, all'insù, in sbarra; col capo di azzurro carico di una colomba volante, tenente nel becco un ramoscello d'olivo, il tutto al naturale e sormontata da un breve d'argento, svolazzante in fascia, scritto col Motto: Pax candida fortis.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome