Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Pleni, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Baroni - Nobili
Heraldik die Familie: Pleni
Krone des Adels Pleni La famiglia in Roma fu nobile ed antica. Il Petrone, nel suo Diario, riferisce che, sotto il 18 ottobre 1434, il Popolo Romano mandò tre ambasciatori, nobili cittadini romani, a Papa Eugenio IV, che dimorava in Fiorenza, tra i quali fu Rienzo di Martin Leni, del Rione della Pigna. E, nel 1445, il med. Papa donò, come abbiamo riferito più volte di sopra, ricchi vestiti ad 80 gentiluomini romani, tra i quali fu Batta, del Rione della Pigna, ove hanno sempre tenuto la Casa. Papa Martino V li pose nel Bussoleno della Nobiltà Romana, la quale, convien dire, che precedesse... Fortsetzung folgt

molto all'anno 1434. Il Talini nel Diario racconta che Papa Alessandro VI fece accompagnare la figlia, andando a marito a Ferrara, da molti gentiluomini romani, tra i quali fu Marcantonio Leni. La precedente nobiltà alle predette memorie, apparisce dalli Parentati. Dal 1392, Lorenzo ebbe per moglie Ceccha, figlia di Lello della Valle; poscia parentarono colli Porcari, reinterate volte con Santa Croce, con Albertoni, colli Conti, con Capranica, con Molara, con Mattei, con Buffali, con Citera, con Theobaldi, con Muti, con Alberini, con Cesarini, con Frangipani, con Capizucchi, con Sanguigni, con Castellani, con Crescentij, con Velli, con Buzij, con Mutini, con Vittorij, con Montebuoni, con Santorij, con Cardelli, con Urtigi di Trevio, con Petronij, con Cafffarelli, con Bentivoglio e con molte di questa famiglia, la quale andò a terminare nel Cardinale Gio. Batta, che fu promosso al Cardinalato per essere cugino del Cardinale Scipione Caffarello, chiamato Borghese. Fu il Cardinale Leni, uomo di poche lettere, e compensò il poco sapere con la bontà della vita. Fondò e fabbricò la sontuosa Chiesa e Convento chiamato di San Carlo a Catinari, come si legge nel frontespizio di essa. Furono i Leni molte fiate Guardiani del Salvatore, come apparisce dal Catasto. Dal 1474 fu Chierico di Camera Luca , come apparisce da una divisione dei confini tra Viterbo e Montefiascone. Del 1485, Ciriaco, fu Canonico in Santa Maria Maggiore ed Abbreviatore Aplico. Dal 1489 Pietro fu Canonico di S. Pietro e Chierico di Camera. Memoria sepolcrale nella Chiesa contigua alla Casa di Leni, già Santi Quaranta, oggi Oratorio della Compagnia delle Stimmate di S. Francesco. Nella medesima Chiesa si vede un Deposito al muro di marII, fu Francesco Leno.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Pleni

Familien-Wappen: Pleni

Blasonierung die Familie

D'azzurro al leone tenente nelle zampe anteriori un giglio, il tutto al naturale.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome