Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Polato, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Polato
Corona nobiliare Polato Famiglia assai antica e nobile. Nei ricordi dei tempi andati si leggono alcune varianti del cognome Polato, dovute alle solite cause della pronunzia dialettale e dal modo di interpretare nella scritturazione i cognomi. Si ricorda un Giovanni, notaio imperiale a Ferrara e, nel 1368 a Venezia; ed a Feltre il Cambruzzi rammenta un Luca Polato aggiunto a quel nobile Consiglio nel 1405. Giovanni Francesco di Giuseppe Zolato, notaio e cittadino di Feltre lasciò erede nel 1413, suo figlio Giovanni. L'effigie del notaio era scolpita nella Scuola della Madonna del Prato, come si legge nella storia di Feltre del citato Cambruzzi.... ContinuaZulato Luigia di Venezia, moglie di Lorenzo Piovenzano, viveva in questa città nel 1582. Questa posposizione di alcune lettere del cognome Polato si verifica anche nei brevi cenni storici che si trovano intorno a questa famiglia nella provincia di Rovigo specialmente nel secolo XVII, e difatti nell'elenco dei notai di Rovigo si legge: Lullato Angelo notaio dal 1637-1644. Lurlato Panfilo, notaio dal 1646-1659. Lurlato Sebastiano notaio dal 1611-1660. Qui è evidente che la lettere r fu aggiunta nella nomenclatura dei due notai Panfilo e Sebastiano, e ciò potrebbe essere facilmente dimostrato anche perchè di una famiglia Lurlati non vi è nessuna memoria. Il notaio Angelo Lulato deve essere lo stesso individuo che il 1° agosto 1615 aveva una investitura a Boara, conferma il 18 luglio 1625; passata il 31 agosto 1662 a Domenico Lulato e ceduta infine ai Grimani nel 27 ottobre 1680. I Lulati della Dalmazia. Dopo l'abbandono dei Lulati della investitura di Boara, le notizie di questa famiglia in quella regione vengono meno, specie negli atti pubblici; forse qualche suo componente sarà emigrato altrove, e non le potrebbe essere estraneo quel ramo dei Polato appartenenti alla nobiltà di Traù e di Cefalonia. Il medico Angelo Polato, ancor lui del Consiglio nobile di Cefalonia, si distinse nelle pubblicazioni sulla medicina pratica (Venezia 1752) e per la Lettera sulle riflessioni del Pujati sul Vitto Pitagorico, che provocò una risposta, a Trento nel 1753, di Jacopo Deloardi.
Compra un documento araldico su Polato

Stemma della famiglia: Polato

Blasone della famiglia

D'azzurro al pino di verde terrazzato (o sradicato) del medesimo sinistrato da un orso di nero.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome