Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Politi, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Nobili
Variazioni cognome: Polita
Araldica della famiglia: Politi
Variazioni cognome: Polita
Corona nobiliare Politi
Nobile famiglia di Recanati, ma oriunda da San Gemignano in quel di Siena. Riconosce per suo capostipite Salvatore, che fu crociato a Gerusalemme con l'imperatore Federico II. Gran capitano, ebbe il comando supremo delle truppe a Ioppe e morì da prode sul campo di battaglia. Marzio, suo figlio, visse dal 1198 al 1251; anche egli guerreggiò in Palestina e tornato in Italia fissò la sua dimora in Recanati. Per questo Comune fu inviato ambasciatore all'imperatore Federico II onde ringraziarlo della concessione della spiaggia e del porto, e l'imperatore, ricordando la fedeltà e le prodezze di Salvone, suo padre, conferì a... Continua

lui e a tutti i suoi discendenti il titolo di conte palatino imperiale col predicato di Nussignano o Massignano (Ascoli Piceno). Il diploma imperiale dato da Cremona 7 settembre 1249, conservasi presso il principe Antici Mattei di Roma, giacchè è unico per la concessione del titolo di conte palatino di Castel S. Pietro agli Antici e di conte palatino di Nussignano ai Politi. Polito, di Marzio (1238-1295), fu inviato dal Parlamento della Provincia Picena come legato insieme ad altri 16, a Nazaret e a Terzatto,onde raccogliere documenti sulla traslazione della S. Casa di Loreto avvenuta il 10 dicembre 1294. Clemente, di Polito (1278), fu I. V. D. e consigliere di Carlo IV imperatore. Scrisse un'opera di architettura militare. Polito, di Clemente (1310), matematico insigne, ingegnere e architetto militare, insegnò nell'Università di Roma, fortificò Loreto, il prote e altri castelli Corrado, di Clemente (1308-1400), insegnò scienze politiche nell'Università di Colonia, fu capitano nel 1330 sotto il re Giovanni di Boemia Lancilotto, di Polito, fu I. V. D., letterato canonico a Siena; morì nel seoclco XV. Pietruccio di Corrado (1350), riformatore degli Statuti di Recanati: Corrado, di Pietruccio (1375), fu influente capo ghibellino. Salvone, di Pietruccio, nel 1363 fu podestà di Urbania. Politio, di Corrado (1400), foritificò Loreto contro i Turchi Antonio, di Polito (1415-1475), fu capitano della Magistratura, capitano di Loreto nel 1471 e console della fiera; comandante nella difesa di Recananti contro i Pisani nel 1462; arbitro dei confini tra S. Ginesio e Fermo Adriana. di Polito (1450), I. V. D., fu commediografo; traduttore di Tacito; fece uommaso, dittatore nel 1501 e capitano del porto nel 1510.


Compra un documento araldico su Politi

Stemma della famiglia: Politi
Variazioni cognome: Polita

Stemma  della famiglia Politi

1 Blasone della famiglia Politi

D'argento a due fasce, la superiore di rosso, l'inferiore di verde.

Stemma  della famiglia Politi

2 Blasone della famiglia Politi

Di porpora, ad un cane d'argento, passante sopra una terrazza di verde, sormontato da una luna piena del secondo, sostenuta da una divisa di rosso, caricate di tre stelle d'argento.

Politi originari di Andria in terra di Bari. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, pag. 356-357, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Politi

3 Blasone della famiglia Politi

D'azzurro, al monte di sei cime, sormontato da un S intrecciato ad una palma, il tutto d'oro.

Politi di Toscana. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, pag. 357, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome