Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origin of last name Pollera Orsucci, country of origin: Italia

Nobility: Nobili - Conti Palatini
Heraldrys of family: Pollera Orsucci
Nobility crown Pollera Orsucci
Il cognome Orsucci fu aggiunto a quello Pollera con decreto reale dl 29 aprile 1926, n. 242, avendo voluto la contessa Maria Orsucci Pollera che il su cognome paterno, che con lei andava ad estinguersi, continuasse nei discendenti suoi del proprio marito Domenico, di Andrea Pollera. Gli Orsucci furono storica famiglia lucchese, nota fin dal secolo XIII, come discendente dai Buon figlioli, signori di Ripafratta, Ostano e Milliano, presenti in Lucca al giuramento di fedeltà prestato a Giovanni di Boema, nel 1331. Seguendo la parte imperiale, divennero potenti nell'alta Versilia e in città, ricoprendo le maggiori cariche durante la Repubblica,... To be continued

il Principato, i Principato e il Ducato lucchese. Bartolomeo, vicario di Pietrasanta, Massa e Luni, prestava nel 1382 una rigente somma alla Repubblica; Andrea fu nel 1400 il primo della famiglia nella serie degli anziani e gonfalonieri, dignità che egli Orsucci ricoprirono fino al 1793; Scarpello tenne come castellano la fortezza del Rotaio nel 1531, e nello stesso secolo XVI si illustrarono nella politica della Repubblica specialmente Baldassarre, oratore ed Adriano VI nel 1523, e Nicolao agli Estensi, ai Medici, a Genova, a Venezia ed a Carlo V nel 1535, dal quale fu creato cavaliere nobile dell'Impero e conte palatino con diploma del 10 aprile 1537, trasmissibile alla propria discendenza, col privilegio di alzare l'aquila nel proprio stemma. Lo stesso fu capitano di giustizia in Siena dal 1544 al 1547, ed una lapide nel Palazzo pubblicano di quella città ne tramandò le benemerenze. Nel periodo della sua dimora colà trattò a Colle d'Elsa per conto della sua Repubblica con il celebre Aonio Paleario, che doveva essere condotto al pubblico insegnamento a Lucca. Sulla fine dello stesso secolo, Vincenzo, oratore ambasciatore a Madrid, dava origine in Siviglia ad un ramo spagnolo della famiglia; mentre un altro, durante la Riforma, stabilivasi nelle Fiandre. Fra gli ecclesiastici di questa famiglia, distinta colla designazione dell'aquila, i più noti furono: Bartolomeo, vescovo di Lasvello e luogotenente del cardinale Ranuccio Farnese nella Marca di Ancona; Cosimo, carmel., morto in concetto di santità, e il domenicano P. Angelo, al secondo Michele di Bernardino (1573-1622), missionario nel Messico, nelle Filippine, e martirine si conserva nell'Archivio di Stato in Lucca.


Buy a heraldic document on family Pollera Orsucci

Coat of Arms of family: Pollera Orsucci

Coat of Arms of family Pollera Orsucci

1 Blazon of family Pollera Orsucci

Partito: nel primo d'azzurro alla fascia d'oro, sostenente un'aquila di nero, accostata in capo da due stelle (8), d'oro, e in punta da un cavallo gaio dello stesso, galoppante sopra un terreno di verde (Pollera); nel secondo d'azzurro al crescente rivoltato d'argento, col capo d'oro carico di un'aquila di nero, coronata d'oro (Orsucci).

Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol. V p.435.

Coat of Arms of family Pollera Orsucci

2 Blazon of family Pollera Orsucci

Partito: nel primo d'azzurro alla fascia d'oro, sostenente un'aquila di nero, accostata in capo da due stelle (8), d'oro, e in punta da un cavallo gaio dello stesso, galoppante sopra un terreno di verde (Pollera); nel secondo d'azzurro al crescente rivoltato d'argento, col capo d'oro carico di un'aquila di nero, coronata d'oro (Orsucci).

Buy Coat of Arms of family

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome