Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Pompea, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti - Nobili
Heraldik die Familie: Pompea
Krone des Adels Pompea Capostipite di questa famiglia fu un Pompeo, marito di Alidoni Alessi, al tempo che dominava in Verona Antonio della Scala. Giovanni, suo nipote nel 1474 ottenne dalla Veneta Repubblica conferma di privilegio, immunità ed esenzione a favore della sua casa e dei coloni d'Illasi e sue pertinenze. Nel 1404 Antonio fu dal carrarese posto al comando della Porta di S. Spirito; Giovanni venne eletto comandante dei forti di Verona nel 1438, e Bartolomeo nel 1509 fu vice-podestà in patria. Girolamo, comandante dei balestrieri, avendo fatto prigioniero il Gonzaga marchese di Mantova e generale delle truppe imperiali, ebbe per sé e... Fortsetzung folgt

per il fratello Tommaso dalla Repubblica di Venezia nel 1590 il titolo di conte d'Illasi con piena giurisdizione. Nel 1410 i Pompea vennero aggregati al nobile Consiglio di Verona, e molti di essi sostennero le principali cariche del Comune. Dall'Imperatore Carlo V fu loro conferita la cittadinanza di Milano, e dal Duca Ferdinando-Carlo quella di Mantova. Con sovrane risoluzioni 12 Ott. 1818 e 10 ott. 1819 furono confermati nella loro antica nobiltà, ed un ramo di essi fu insignito della dingità e titolo di conte dell'Impero d'Austria con sovrana risoluzione 17 Giu. 1821. Altro ramo. Antica e nobile famiglia originaria di Pesaro. Non sono più pervenuti, da tempo, aggiornamenti araldici di detto ramo.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Pompea

Familien-Wappen: Pompea

Blasonierung die Familie

D'oro al pino sradicato di verde, e il capo d'azzurro con un sole meriggio d'oro.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome