Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Raniero, país de origem: Italia

Nobreza: Conti
Heráldica da família: Raniero
Coroa de nobreza Raniero
Antica ed illustre famiglia di Perugia, che ha per capostipite Uberto, vissuto circa il 970 e che alcuni vollero discendessero dai marchesi di Monferrato mentre vari documenti proverebbero la sua origine sassone. Comunque i figli di Umberto ebbero dominio sulla terra di Fratta, oggi Umbertide, che nei documenti di quel tempo in altri posteriori appare sempre chiamata: "Fracta filiorum Uberti". Questa casata fra il XII e XIII secolo si divise in quattro rami, dei quali il primogenito restò in Perugia e gli altri si stabilirono a Orvieto, a Gubbio e a Ragusa in Dalmazia. Di questi il ramo di Orvieto... Continua
e di Gubbio si estinsero e quello di Ragusa nel 1100 si trasferì a Venezia, dando origine all'illustre famiglia Renier, alla quale appartenne Paolo, penultimo doge di quella Repubblica. Restò superstite solo il ramo di Perugia e quello che si stabilì in Forlì, derivato forse da un medesimo stipite col ramo perugino, ha con questo il comune la gloria di aver dato i natali al grande pontefice Pasquale II e ai cardinali Vincenzo (1193) e Teodoro (1198), orvietani. Stipite del ramo perugino fu Glotto, o Glotario, di Monaldo, di Ugo, vivente nel XIII secolo e distinti coi titolo di marchese e di conte. Il marchese Ranieri, che era fiorito in Umbria circa il 1050, figlio di Ugo, di Uberto, secondo alcuni autori, resse il merchese di Toscana e morì monaco a Perugia in odore di santità. Ranieri, suo figlio, giudice, fu coevo ed amico di San Pier Damiani; Glotto, o Glotario, fu podestà di Perugia nel 1207. Fra i capitani illustri del ramo perugino sono rimasti Valerio, capo dei nobili perugini fuorusciti contro Ruggero, detto del Cane, eroico difensore di Venezia nel 1412 contro gli Ungari. Infinita è la serie degli illustri personaggi Ceccolino, capitano dei Guelfi nel 1306; Niccolò, generale dei Pisani nel 1359; Rodomonte, che combattè all'assedio di Pest nel 1542; Raniero, cavaliere alla Corte d'Avignone nel 1371; Francesco, capitano sotto il Piccino nel 1440; Tancredi nel 1610; Costantino, contro il Turco nel 1669; più prossimo a noi Ruggero, di Curzio, che sotto le insigne del grande napoleone fu ufficiale dei lancieri olandesi nel 1847, colonnello della guardia civica di Perugia. I Ranieri, oltre la signoria della Fratta, possedettero Schifanoia, Colognola, Valmarcolaescaia e Laviano, Cannara e le tre isole del Trasimeno, Beldiletto, Castel del Morro e Montalboldo, Monte Rubbiaglio, Pieve Compresseto e Poggio S. Ercolano, Mantignana Pomonte e numerosissimi altri feudi; le contee di Schifanoia, di Pacciano Vecchio e Villa Colgaruccia e quella di Civitella Ranieri, concessa da papa Martino V nel 1426, confermata poi da papa Paolo III nel 1544 e da Paolo V nel 1612, e quella di Monte Gualandro, di antico dominio dai Montemelini nel 1678.

Compre um documento heráldico sobre família Raniero

Escudo da família: Raniero

Brasão da família

D'azzurro alla banda d'argento, doppiomerlata di sei pezzi. Cimiero: un levriere nascente al naturale, collarinato d'oro portante la scritta: Comitum Civitellae.
Ranieri originari di Perugia. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, pag. 400, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome