Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Regano, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti
Heraldik die Familie: Regano
Krone des Adels Regano Nel secolo XIII le vicende storiche di Arzignano erano strettamente congiunte a quelle della famiglia E. Il cavaliere Sigisfredo o Singofredo Arzignano come lo denominano i più noti scrittori delle cose Vicentine, e come si legge nei documenti notarili è il personaggio che inizia ed illumina per la fierezza del suo carattere, quel periodo angoscioso della formazione dei comuni italici. Sigisfredo, Signore del castello di Arzignano e capostipite della famiglia, venne nel 1231confinato, per l'inquietitudine che destava il suo potere, da Guido da Rode milanese, podestà di Vicenza. Dopo la morte di Ezzelino (1259), gli "Egani ossia conti d'Arzignano" ritornarono... Fortsetzung folgt
in patria e ricuperarono la Signoria ed il castello anzidetto. Anche in quelle contrade, adorne di multiformi bellezze, Guelfi e Ghibellini si contendevano la supremazia sociale, nelle lotte cruenti, proprie di quei tempi virili. Nell'anno 1261 E. conte di Arzignano, della stirpe di Sigisfredo accennato, uomo valoroso e capo dei Ghibellini fu ambasciatore (1261) dei vicentini ai padovani. In pieno consiglio del palazzo di Padova, dinanzi ai maggiori della città, sostenne, con veemenza straordinaria: "che lui ed i suoi amici d'Arzignano sarebbero stati capaci di sciogliere l'alleanza vicentino-padovana". Paurosi e sbigottiti di tanto ardire, i padovani cercarono tutti i mezzi per recargli danno. Ma il conte seppe evitare ogni insidia racchiudendosi momentaneamente nel castello d'Arzignano. Il Castellini (e un pò diversamente il Bonifacio) rammentano che la parte guelfa di Vicenza nell'anno seguente (1262) elesse Nicolò Bagalerio o Bacelerio Podestà, il quale, volendo favorire il suo partito nel Consiglio cittadino, provocò le ire del conte E., dei suoi parenti ed amici, che indagati uscirono dall'aula. Ritiratori quindi nel castello d'Arzignano lo fortificò e, fattosi capitano e Signore di quel paese, resistette all'aspra guerra mossagli dai vicentini e padovani; in aperta campagna, nei pressi di Montecchio, circondato da mille prodi sconfisse eroicamente i suoi nemici. L'anno seguente (1263) i suoi avversari ritornarono in forza maggiore all'assalto del castello d'Arzignano e costrinsero alla fuga ed all'esilio il conte Egano. Ma questi, natura inquiesta, desiderosa di vincere l'odiato nemico, adunò gli erto Fabris era troppo forte per abbandonarlo: conte feudatario, rimase per breve tempo libero dalla servitù dei vicentini delle terre del Castello d'Arzignano.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Regano

Familien-Wappen: Regano

Blasonierung die Familie

D'azzurro al destrocherio armato d'argento.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome