Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Regina, país de origen: Italia

Nobleza: Conti - Duchi
Variaciones apellido: de Regina
Heráldica de la familia: Regina
Variaciones apellido: de Regina
Corona de la nobleza Regina
Antica famiglia napoletana di cui, si ha notizia fin dal tempo della dominazione normanna, e che riconosce a suo capostipite un Roberto de Regina, feudatario di re Guglielmo II, il Buono. Ricevuta nel S. M. O. di Malta, in Priorato, nel 1664, come quarto materno del cavaliere Giacomo d'Aquino; e nel 1702, quarto ava materna del cavaliere Gio. Battista Cioffi, avendone fatta la prova da Orso di Regina, primo stipite, dell'anno 1322. Fra i personaggi illustri di questa casata si ricordano Nicola Antonio, creato cardinale da papa Giulio II; Giovanni Antonio, giustiziere di Lecce nel 1577; Francesco, giustiziere di... Continuará
Calabria nel 1596. I de Regina ebbero in feudo il castello di Macchia di Valfortone, antecedentemente al 1482, poichè, in quell'anno, Francesco de Regina ne ebbe rinnovata l'investitura da re Ferdinando I di Aragona. Filippo II eresse questo feudo in contea il 1 luglio 1559. Ebbero ancora il possesso di altri feudi, fra i quali il Castello di S. Vincenzo o Castellano al Volturno, ad entrare sulla Abazia di S. Vincenzo in Terra di lavoro, dal 1741 sino all'abolizione dei feudi, avendo l'ultima intestazione, il 7 ottobre 1788, Muzio de Regina. Possedettero ancora il titolo di duca delle Pesche o Pieschici presso Isernia, titolo concesso, nel 1624, a Giulio de Regina, passato poi detto titolo alla famiglia Pisanelli e, quindi, ai Ceva Grimaldi. Nobile fuori Piazza in Napoli, godette pure nobiltà in Capua ed in Messina. E per successione Macedonio, i de Regina avrebbero ancora la pretesa al titolo di duca di Grottolelle, in Principato Ultra, titolo concesso con R. Privilegio 4 giugno 1646 a Scipione Macedonio, ed estinto in Eleonora, che sposò Nicola de Regina, conte di Macchia. Fu riconosciuta di nobiltà generosa, nel 1860 nelle prove di Giulio Cesare de Regina, ammesso nelle RR. Guardie del Corpo a cavallo. (Verbali della Commissione dei Titoli, vol. XIII, pag. 225; Grande Archivio di Napoli). La famiglia è iscritta nel Libro d'Oro della Nobiltà Italiano e nell'Elenco Ufficiale Nobile Italiano coi titolo di conte di Macchia (mpr.), pred. di S. Vincenzo al Volturno (maschi e femmine).

Comprar un documento heráldico de Regina

Escudo de la familia: Regina
Variaciones apellido: de Regina

Escudo de la familia Regina (de)

1 Blasòn de la familia Regina (de)

D'azzurro alla banda d'argento caricata da tre rose di rosso.

de Regina originari di Napoli. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 408, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Regina (de)

2 Blasòn de la familia Regina (de)

D'argento, a tre punte di nero, moventi dalla punta, ciascuna sormontata da un uccello dello stesso; col capo d'azzurro.

de Regina originari di Napoli. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 408, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome