Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Ricciardi, provenienza: Italia

Titolo: Baroni - Conti - Nobili - Principi
Araldica della famiglia: Ricciardi
Corona nobiliare Ricciardi
Le prime notizie sulla famiglia, riferite dagli storici e dai cronisti pisani, risalgono al secolo IX; ma una genealogia completa e confortata da documenti sicuri, riferisce di un Lorenzo, di Rosselmino, che nel 1290 figura tra gli Anziani di Pisa. A questa magistratura, la più alta della città appartennero senza interruzione i discendenti di Lorenzo, i quali per le alleanze nobilissime contratte vestirono l'abito di cavaliere negli Ordini di Malta e di S. Stefano di Toscana. Lodovico, di Lorenzo, di Jacopo, fu da Giovanni dell'Agnello aggregato alla propria consorteria, uomo di molto tatto, venne incaricato di pacificare i... Continua
dissidi che turbavano di continuo le relazioni tra gli abitanti di Riprafatta e quelli del vicino territorio lucchese; impresa che con molta lode riuscì a condurre a termine nel 1366, Bernabò Visconti, vicario imperiale in Italia, lo decorò del titolo di conte palatino, con facoltà di assumere per stemma il leopardo d'oro in campo rosso; concessione confermata dall'imperatore Carlo IV nell'agosto del 1366. Fama di valorosi e di esperti nell'arte della guerra ebbero Ranieri e Gherardo Ricciardi, di Adovardo. Il primo fu nominato, nel 1497, provveditore generale dell'esercito pisano a Livorno, e nel 1501 commissario generale per le fortificazioni e la difesa di Pisa. Il secondo resse il Capitanato di Livorno, nel 1496, occupò vari onorevoli uffici nell'amministrazione giudiziaria e fu incaricato di molte e importanti ambascerie. Simone, di Ranieri, dette prova luminosa del proprio valore fino dal 1544, quando, incaricato di recar soccorso agli Elbani assediati dai Turchi, assolvé temerariamente l'incaricato passando con una sola galera in mezzo alla flotta nemica. Nel 1553 fu con 200 fanti alla difesa di Pistoia: si trovò poi all'assedio di Montecatini e fu il primo a scalarne le mura. Dopo la resa di Siena fu delegato a prender possesso di Grosseto in nome di Cosimo I; e nel 1573 venne nominato luogotenente generale delle galere e, sulle coste di Barberia, inflisse agli infedeli perdite e danni gravissimi. Da Adovardo, di Nicolaio, di Lodovico, si originarono due rami, indicati col nome della via dove era situata la casa: il ramo di Ranieri, detto di Via Santa Maria e il ramo di Andrea detto di Via S. Martino.
Compra un documento araldico su Ricciardi

Stemma della famiglia: Ricciardi

Stemma  della famiglia Ricciardi

1 Blasone della famiglia Ricciardi

Spaccato d'azzurro e d'argento, alla banda d'oro, caricata da un porcospino di nero, accompagnata in punta da una stella di otto raggi d'oro.

Ricciardi della Toscana. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 419, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Stemma  della famiglia Riccardi

2 Blasone della famiglia Riccardi

D'azzurro, alla chiave d'oro posta in palo con l'anello in basso.

Riccardi o Ricciardi di Sicilia. Fonte: "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912). Ricciardi di Sicilia; fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 419, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Stemma  della famiglia Ricciardi (Napoli)

3 Blasone della famiglia Ricciardi (Napoli)

Di verde, al riccio sormontato da una lembello a cinque pendenti, il tutto d'argento.

Stemma  della famiglia Ricciardi (Napoli)

4 Blasone della famiglia Ricciardi (Napoli)

Partito; nel 1° d'oro al riccio adagiato sul rogo ardente, il tutto al naturale e sormontato da una cometa d'azzurro; nel 2° di verde, al leone d'oro. Motto: In Labore Virtus.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 419, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Stemma  della famiglia Ricciardi (Napoli)

5 Blasone della famiglia Ricciardi (Napoli)

Di verde a tre ricci sormontati da un rastrello a tre pendenti il tutto d’oro.

Stemma  della famiglia Ricciardi (Firenze)

6 Blasone della famiglia Ricciardi (Firenze)

Trinciato d'azzurro e d'argento, alla stella a otto punte d'oro nel secondo, e alla banda dello stesso passata sulla trinciatura e caricata di un riccio passante di nero.

Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze.

Stemma  della famiglia Ricciardi da Calcinaia (Pisa)

7 Blasone della famiglia Ricciardi da Calcinaia (Pisa)

Di rosso, a due caprioli alzati d'argento, accompagnati in punta da sei bisanti dello stesso, 3 e 3 in due pali.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. terzo, pag. 285, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Stemma  della famiglia Ricciardi del Corso (Pisa)

8 Blasone della famiglia Ricciardi del Corso (Pisa)

D'argento, ad un albero sradicato di verde.

Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze.

Stemma  della famiglia Riccardi

9 Blasone della famiglia Riccardi

Troncato, innestato, merlato di rosso e d’oro di sei pezzi.

Riccardi o Ricciardi di Sicilia. Fonte: "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912).

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome