Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Roscani, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Nobili
Araldica della famiglia: Roscani
Corona nobiliare Roscani Le prime notizie certe e la genealogia documentata della famiglia risalgono al 1241. Ausilio prezioso per la storia e la genealogia, specie sui primi TRoscani è quanto scrissero di essi lo storico Castiglion Morelli nella sua opera "De Patricia Cosentina Nobilitate" pubblicata nel 1713; Andreotti Davide nella Storia dei Cosentini, pubblicata nel 1869 in tre volumi; De Rosis Luca nel Cenno storico della Città di Rossano, pubblicata nel 1839 e Amato nella Crono- Istoria di Corigliano Calabro, pubblicata nel 1884. Vari documenti nella Cancelleria Angioina presso l'archivio di Stato in Napoli; inoltre bolle e brevetti in originale sono conservati nell'archivio... Continua
della famiglia Roscani. La famiglia di Cosenza godeva gli onori del Sedile de' Nobili Patrizi di quella Città. Guglielmo, originario di Pisa, si portò nel regno di Sicilia nell'anno 1241 con l'esercito di Federico II, figlio dell'Imperatore Enrico, dal quale ebbe in feudo lo Stato di Gravina; e fu egli che poi trapiantò la famiglia in Cosenza. Nell'anno 1326 e 1327 sul Registro della Grande Curia Siciliana è menzionato un Vinciguerra dei Roscani di Cosenza, Falconiere del Duca di Calabria. Ivi nel fascicolo 12 a tergo figura, tra i feudatari di Cosenza, Pietro quale intervenuto coi Maggiorenti Cosentino nella concessione d'immunità alla famiglia Castiglione, come è dato vedere nel relativo Diploma stesso d'immunità. Alcuni membri della famiglia, pur conservando con la città di Cosenza ininterrotte le loro relazioni di sangue e di interesse, per parentele, per studi, per alte cariche ricoperte e per appartenenza ad Accademia Cosentine, presero dimora in Rossano ed altri in Corigliano Calabro. I tre fratelli Filippo, Nicola e Roberto furono i primi che nell'anno 1420 andarono a stabilirsi a Rossano. Essendosi portato in quella città il 2 marzo 1431 Giovanni Caracciolo, Conte di Avellino, Gran Siniscalco del Regno colla caratteristica di Governatore della Regina Giovanna, concedè a Filippo e Nicola in feudo 24 moggia di terra aratorie situate nel territorio di Rossano nella contrada Calderati. Di questo ramo eccelsero: Mario, che fu uno dei dieci capitani Rossanesi che presero attiva parte nella guerra di Otranto; Bernardino, che fu paggio di Ferrante I di Aragona, il quale gli concedette nell'anno 1481 l'Ufficio per i servizi ad essa prestati, gli donò nel 1505 ducati 240 da esigerli sopra le sue doti; finalmente il 12 aprile 1507 il Duca di Calabria Ferdinando gli donò, poiché era consigliere e confidente della detta Isabella sua madre, il contado di Renna.

Compra un documento araldico su Roscani

Stemma della famiglia: Roscani

Blasone della famiglia

D'argento, al leone rampante di rosso, attraversato da una banda di rosso abbassata, caricata di tre gigli d'oro, mirante una stella di rosso nel canton destro del capo.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome