Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Roschetti, provenienza: Italia

Titolo: Conti
Araldica della famiglia: Roschetti
Corona nobiliare Roschetti
Antichissima famiglia, della quale alcuni vorrebbero come capostipite quel Manfredo, conte di Milano, morto nell'897 ed indicato in un vecchio albero genealogico. Tuttavia, le prime notizie certe si hanno riguardo ad un Gherardo De RoschettiZ, presente ad un placito tenuto da Enrico V, nel 1116. Da questo Gherardo nacque Boschetto che fu console di Modena negli anni 1171, 1174 e 1178. Figlio di Boschetto fu un altro Gherardo, pure console di Modena nel 1200. I membri di questa famiglia parteciparono sempre attivamente al reggimento della loro città e molto si distinsero nelle crudeli e sanguinose lotte delle fazioni. Appartennero alla... Continua
fazione guelfa detta degli Aigoni, della quale, coi Rangoni, furono principali. Nel medio Evo, alla patria, dettero tre vescovi: Alberto (1234-1264), venerato anche come Beato, Filippo (1287) e Buonadomo (1311) a varie città italiane magistrati come ad esempio Albertino, podestà di Perugia (1277) e di Cremona (1278), Corrado, capitano del popolo a Reggio (1287) podestà di Imola (1290). Anche nei secoli seguenti dalla schiatta della famiglia sortirono personaggi che recarono lustro alla famiglia distinguendosi nelle armi nella religione, nel giure, nelle lettere e nelle scienze. I Roschetti si insignirono di S. Cesario nel 1368 ad opera di Albertino di Galvano, che rialzò quel castello dalle rovine e dall'estremo abbandono a cui era stato ridotto durante le lunghe e crudeli guerre che avevano infestato quel paese. Alla morte di Albertino il figlio di lui Alberto II per assicurarsi il tranquillo godimento di quei beni di origine ecclesiastica, ne chiese l'investitura a Valdassare Cossa, cardinale legato in Bologna, che glie la concesse il 26 marzo 1404, concessione riconfermata dallo stesso legato l'anno 1413, diventato papa dal nome di Giovanni XXIII. Albertino III, figlio di Alberto II, fu dal marchese Leonello d'Este con diploma 28 maggio 1446 creato conte di S. Cesario, Castel Broilo Vilzacara e rispettive pertinenze con mero e misto imperio e ogni altra giurisdizione. Nel 1506 (12 sett.) Albertino V, uomo di guerra, già vicerè di Calabria, conte di S. Cesario, signore di Rodi e di Civita, Giulio II accordava l'investitura di quel castello, occupato in allora dalle armi pontificie, ai figli di Albertino V, investitura confermata nel 1513 e nel 1520 da Papa Leone X e nel 1524 da Clemente VII. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Compra un documento araldico su Roschetti

Stemma della famiglia: Roschetti

Blasone della famiglia

Bandato d'argento e di rosso di otto pezzi
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome