Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Ruberto, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili
Heráldica da família: Ruberto
Coroa de nobreza Ruberto
Antica ed assai nobile famiglia toscana, con residenza in Firenze (Santa Maria Novella, Lion Bianco), conosciuta come Ruberti o Ruberto, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia e d'Europa. La chiara nobiltà della famiglia risulta confermata dalla sua presenza nella pregevole opera "Raccolta Ceramelli Papiani", del conte Enrico Ceramelli Papiani (Colle Val d'Elsa, 1896 - Firenze, 1976), rinomato araldista, che si conserva nell'Archivio di Stato di Firenze, dove è pervenuta per la donazione effettuata nel 1974. D’altronde, tal famiglia, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscita a produrre una serie di uomini che hanno reso illustre il suo nome,... Continua
nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali ed ecclesiastiche e nel servizio militare. Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Guido, dottore in "utroque jure", vivente in Firenze, nel 1511; Antonio Maria, dottore "in utroque jure", fiorente in Firenze, nel 1556; Giacomo Maria, milite di professione, fiorente nel 1568; D. Agostino, Protonotario Apostolico, fiorente in Firenze, nel 1593; Leone Maria, milite di professione, fiorente nel 1639; Niccolò, consigliere fiorentino e proprietario terriero, fiorente nel 1711; Cosimo, giureconsulto, vivente in Firenze, nel 1739. Altra famiglia. Nobile casato modenese, detto Ruberti o Ruberto, la cui blasonatura è riportata nella pregevole opera "Il Dizionario storico-blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti", del genealogista Giovan Battista di Crollalanza, pubblicata a Pisa nel 1886 in tre volumi, di oltre 1400 pagine. Tra i personaggi che, maggiormente, hanno reso lustro a tal casato, ricordiamo: D. Luigi, canonico, teologo e commissario apostolico, fiorente in Modena, nel 1593; Bernardino, giurista, fiorente in Modena, nel XVI secolo; Saverio, monaco Servita, fiorente in Modena, nel 1557; Federico, cavaliere, vivente in Modena, nel 1611; Severo, consigliere in Patria, fiorente nel 1702; Alessandro, proprietario terriero nel modenese, vivente nel 1687; Federico Maria, membro del Collegio dei medici di Padova, vivente nel 1698; Edoardo, segretario, cancelliere ed ambasciatore ducale, fiorente in Modena, nel 1703. Da una analisi cromatica e simbolica dello stemma, possiamo, infine, ricavare alcune importanti informazioni sulle virtù associate a tal cognome: l'azzurro essendo il colore del cielo, rappresenta la gloria, la virtù e la fermezza incorruttibile; il rosso, richiamandosi al sangue versato in battaglia, rappresenta il valore, l'audacia, la nobiltà ed il dominio; il giglio d'oro è il più nobile dei fiori usati in araldica e significa potenza, sovranità; il nero rappresenta la dedizione al Principe fino alla morte; l'argento simboleggia la purezza, l'innocenza, la giustizia e l'amicizia. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Compre um documento heráldico sobre família Ruberto

Escudo da família: Ruberto

Escudo da família Ruberti

1 Brasão da família Ruberti

Spaccato; nel primo d'azzurro alla fascia ondata di rosso, accompagnata in punta da cinque gigli d'oro; nel secondo spaccato merlato di nero e d'argento.

Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome