Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Ruggi D'Aragona, provenienza: Italia

Titolo: Patrizi di Salerno, Trani e Amantea, Marchesi, Baroni
Araldica della famiglia: Ruggi D'Aragona
Corona nobiliare Ruggi D'Aragona
Famiglia antica nella nobiltà di Salerno, ritenuta d'origine normanna, e reputata, da alcuni autori, del sangue dei Guiscardi, come riporta il Candida. Un ramo dei Ruggio si stabilì in Francia, e si disse Rouge. Ascritta al Patriziato di Salerno al Seggio di Campo, ed al Patriziato di Trani, per cui all'abolizione dei Sedili fu ascritta al Registro delle Piazze Chiuse. Ricevuta nel S. M. O. di Malta in Priorato nel 1598 in persona del cav. Matteo, avendone fatta la pruova da Francesco suo avo, nobile di Salerno del Seggio di Campo, e passta in Convento nel 1776 col cavaliere Gerardo... Continua
per prova di consanguineità con detto cav. Matteo. Questi morì combattendo, contro gl'infeudeli. Nicola fu abate di Montecassino nel 1480, e Benedetto ambasciatore di Ferrante d'Aragona alla Repubblica di Venezia. Re Gioacchino Murat, con Decreto 9 luglio 1813, concesse a Pietro Ruggi d'Aragona, n. Salerno 28 settembre 1764, dec. 15 maggio 1839, capo della Legione Provinciale di Terra di Lavoro, il titolo di barone. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano del 1922 col titolo di patrizio di Salerno (m.) pei discendenti da Giuseppe, ascritto al Registro delle Piazze Chiuse. Altro ramo. Diramazione dell'omonima famiglia della Normandia, trasferita in Trani ed aggregata a quel patriziato il 10 luglio 1747. Ascritta, alla abolizione dei Sedili, al Registro della Piazze Chiuse. Altro ramo. Famiglia antica nella nobiltà di Salerno, ritenuta d'origine normanne, e reputata, da alcuni autori, del sangue dei Guiscardi come riportata il Candida. Un ramo si stabilì in Francia, e si disse Rouge. Ascritta la Patriziato di Salerno al Seggio di Campo, ed al Patriziato di Trani, per cui all'abolizione dei Sedili fu ascritta al Registro delle Piazze Chiuse. Ricevuta nel S. M. O. di Malta in Priorato nel 1598 in persona del cav. Matteo, avendone fatta la prova da Francesco suo avo, nobile di Salerno del Seggio di Campo, e passata in Convento nel 1776 col cavaliere Gerardo per prova di consaguineità con detto cav. Matteo. Questi morì combattendo, contro gl'infedeli. Nicolò fu abate di Montecassino nel 1480, e Benedetto ambasciatore di Ferrante d'Aragona alla Repub. di Venezia. Re Gioacchino Murat, con Decreto 9 luglio 1813, concesse a Pietro d'Aragona, n. Salerno 28 sett. 17denti da Giuseppe, ascritto al Registro delle Piazza Chiuse
Compra un documento araldico su Ruggi D'Aragona

Stemma della famiglia: Ruggi D'Aragona

Stemma  della famiglia Ruggi d'Aragona

1 Blasone della famiglia Ruggi d'Aragona

Inquartato, nel 1° di rosso al leone d’oro rampante (o al naturale) e nel 4° d’argento pieno, (Ruggi), nel 2° e 3° d’oro a quattro pali vermigli (d’Aragona).

Stemma  della famiglia Ruggi d'Aragona

2 Blasone della famiglia Ruggi d'Aragona

Inquartato, nel 1° di rosso al leone d’oro rampante (o al naturale) e nel 4° d’argento pieno, (Ruggi), nel 2° e 3° d’oro a quattro pali vermigli (d’Aragona).

Stemma  della famiglia Ruggi

3 Blasone della famiglia Ruggi

Di rosso, alla banda d'argento caricata di un leone d'oro, accompagnata da due rose del medesimo.

Stemma  della famiglia Ruggi d'Aragona

4 Blasone della famiglia Ruggi d'Aragona

Di rosso alla banda d'argento caricata di un gatto di nero passante.

Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", Spreti 5° pag. 871.

Stemma  della famiglia Ruggi d'Aragona

5 Blasone della famiglia Ruggi d'Aragona

Di rosso alla banda d'argento caricata di un gatto di nero passante e accostata da due rose d'oro poste in sbarra.

Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", Spreti 5°.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome