Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Rumani, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Rumani
Corona nobiliare Rumani Un Francesco venne aggregato al nobile Collegio dei giureconsulti nel 1469; quindi al corpo decurionale. La stessa carica esercitò un Matteo nel 1511. Un altro Matteo, vestito l'abito dei Canonici Lateranensi, e ottenuta l'Abbazia di San Pietro al Po, fu da Sisto V creato Vescovo di Nicomedia e poi suffraganeo di Napoli nel 1586, e finalmente Vescovo di Melfi. Che i membri della famiglia siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti come il Dizionario Storico-Blasonico del commendatore G.B. di Crollalanza che ne ha raccolte le tracce... Continua

lasciate dalla famiglia in quelle città ove ebbe dimora ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia. Tali sono i principii, che da sopracitati Autori si diedero a questa famiglia, ma per esser questo fatto assai remoto, e d'historia molto lontana, lasciamo perciò a più eruditi delle sacre antichità, e dell'historie l'investigarne il suo certo principio. Quel che però di certo habbiamo, è che la casata per la loro antichità, e splendore, e per virtù militare, carrichi così laicali, come Ecclesiastici, e per ogno altro pregio di Cavalleria nobilissimi si scorgono, e crebbero un tempo in tanto numero, e furono sì magnifici.


Compra un documento araldico su Rumani

Stemma della famiglia: Rumani

Blasone della famiglia

Spaccato d'azzurro e d'argento, al leone dell'uno all'altro linguato di rosso.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome