Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Sabroni, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti - Nobili
Heraldik die Familie: Sabroni
Krone des Adels Sabroni
Secondo le Storie di Pistoia del Salvi, seguite da G. B. di Crollalanza nei "Cenni storici e genealogici della famiglia Fabroni", il capitano Mariotto, venuto dalla Francia in Italia con Carlo Magno, si accasò in Pistoia, ed ebbe in dono dall'imperatore il castello di Signa, tolto ai suoi discendenti, nel 1124, dalla Repubblica Fiorentina. Le discordie civili che divisero Pistoia, portarono, nel 1177, al bando dei Fabroni, e Piero di Matteo, con tre figli e pochi servi, presa la via del Mugello, si fermò nel lougo ove poi sorse Marradi. Dopo Montaperti, alcuni dei Fabroni tornarono in Pistoia,... Fortsetzung folgt
altri rimasero a Marradi, altri si stabilirono in Firenze; tra questi ultimi Segantino di Currado, commissario della Repubblica alla Lega di Cremona nel 1274, il quale fu ascritto alla cittadinanza fiorentina e autorizzato ad aggiungere la croce del popolo nello stemma di famiglia. I Fabroni tornati a Pistoia riacquistarono presto l'antica potenza, ebbero alti uffici civili (35 volte il gonfalonierato), e furono incaricati di ambascerie a Pontefici, a Principi, a Repubbliche; quelli rimasti a Marradi, e alcuni di quelli di Firenze, furono per lo più gente d'arme, capitani di ventura e comandanti di fortezze, sempre legati intimamente alla famiglia Medici, che più di una volta fu ospitata nelle loro case. I Fabroni contrassero parentele nobilissime, coi Medici, gli Alberti, gli Ubaldini, gli Antinori, i Corsini, i Rondinelli, i Minerbetti, i Cellesi, i Rospigliosi, i Malvezzi; vestirono ripetutaente l'abito di cavaliere nell'ordine di S. Stefano e provarono il quarto in quello di Malta; ed ebbero sepolture gentilizie a Firenze, a Pistoia, a Marradi. Ed ora un brevissimo cenno sui personaggi più importanti di questa famiglia e sulle principali linee nelle quali essa venne a dividersi. Matteo, di Vanni, di Currado, fu il primo dei Fabroni elevato alla suprema carica del Gonfalonierato (1355); i suoi figli Piero, ser Piero Jacopo e Antonio dettero origine a tre rami diversi, che illustreremo brevemente. Ramo di Piero di Matteo: Piero, di Matteo, più volte dei Consiglieri di Pistoia, ebbe per figlio Alessandro che riportò la dimora a Marradi. Figlio di Alessandro fu Pierrone, dal quale nacquero: a) Domenico, detto il Ploia, colonnello, morto nel 1501 nella difesa della fo, 15 formarono la guardia di Cosimo I - si rammentano: 1) Guglielmo, detto Mambrino, morto alla difesa della fortezza di Ravenna, della quale era al comando.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Sabroni

Familien-Wappen: Sabroni

Blasonierung die Familie

Inquartato: al primo e quarto partito di rosso e di nero al cavallo d'argento, passante, bordato di nero; al secondo e terzo troncato di nero e di argento alla spada di rosso, posta in banda.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome