Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Sajno, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Marchesi - Nobili
Araldica della famiglia: Sajno
Corona nobiliare Sajno
Gaspare, governatore di Alessandria e senatore ducale, fu avo di Ersilio (dec. 1609), ed appartenne al Tribunale dei XII di Provvisione. Nel 1676, fu creato conte, mentre con istrumento 25 settembre 1652, rog. Carlo Montani, notaio camerale, era stato investito del feudo di Crespiatica nel Lodigiano, investitura approvata con reale diploma 25 febbraio 1658, di Filippo IV, re di Spagna. Il figlio di lui, Francesco, ammesso al patriziato milanese il 20 dicembre 1793, capitano della Milizia Urbana, fu padre, tra gli altri, di Sforza, canonico ordinario del Duomo e di altro Ersilio. Ebbe tre mogli: Isabella Vallotta, Teresa Moroni del... Continua
conte Massimiliano ed Antonia Macassola. Dalla prima di esse nacque Antonia, andata sposa nel 1711 a Giovanni Battista Sesto, duca idi Celio. L'Ersilio predetto fu nel 1752 del Tribunale dei XII di Provvisione, giudice delle Vettovaglie, priore dell'Ospedale Maggiore e da Francesca Suarez de Ovalle generò Francesco, vicario di Provvisione (1781). Questi ottenne la delineazione dello stemma nel Codice Araldico con decreto 20 agosto 1774 dell'I.R. Tribunale. Consigliere d'Appello, ebbe riconfermata l'antica nobiltà della famiglia ed il titolo comitale per sovrana risoluzione 21 novembre 1816. Fu avo del tenente generale Luchino. La fam. è iscritta nel Libro d'oro della Nob. Ital. e nell'El. Uff. Nob. Ital. coi titoli di Nobile dei conti di Crespiatica, in persona di Teresa, di Francesco, di Francesco, e sorella Bianca. Motto della famiglia: Plus altement Altro ramo. Questa illustre famiglia ha per capostipite Andreotto, che fu avo di Lancellotto, cameriere ducale e senatore, feudatario di Bellinzago (1466) e di Oleggio (1481), marito di Fiorentina, figlia del celebre capitano di ventura Giovani Acuto, di Agnese, amante di Filippo Maria Visconti, duca di Milano, al quale procreò Bianca Maria, moglie di Francesco I Sforza, duca di Milano e di Andreotto, feudatario di Borgofranco (1456) cameriere e senatore ducale. Fu questi padre di Giasone, feudatario di Bassignana, giureconsulto, senatore ed avo di Gaspare, governatore di Alessandria, senatore ducale, dei LX decurioni e di Tommaso, consigliere ducale, creato marchese di Bordolano (1525), che da Anna Pusterla ebbe Ippolito, dei LX decurioni, da cui il ramo di Pavia, e Tommaso. Da quesl Regno d'Italia (1811), confermato nell'antica nobiltà e nei titoli con sovr.
Compra un documento araldico su Sajno

Stemma della famiglia: Sajno

Blasone della famiglia

Partito: nel primo alla pianta di miglio in palo stelata e fogliata di verde e spigata d'un pezzo d'oro; al capo di rosso con il leone corrente di oro (Famiglia Amati); nel secondo palato di oro e di azzurro al capo di argento con il leone corrente di rosso (Famiglia Cellesi).
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome