Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origin of last name Salvotto, country of origin: Italia

Nobility: Baroni
Heraldrys of family: Salvotto
Nobility crown Salvotto L'arma sopra descritta e il cimiero sono in corso di riconoscimento per domanda del barone Mario Salvotti essendo questa l'arma antica confermata ad Antonio dal principe di Trento cardinale Lodovico Madruzzo con diploma in data 4 dicembre 1586: "Antiqua et gentilis maiorum originis insignia armaque". Quest'arma è quella ancor sempre portata dalla famiglia avendo rinunciato a quella sceltasi dal barone Antonio nell'occasione che gli fu concesso dall'impero d'Austria nel 1846 il cavalierato ereditario e poi la baronia dell'impero. I baroni Salvotti (cognome formatosi per patronimio) sono un ramo della storica casa dei signori di Caldonazzo, diramati alla lor volta dagli... To be continued
antichissimi signori di Brenta. Fu potente dinastia feudale di immemorabile origine ch'ebbe il capitanato della Valsugana. Fu luminosa comparsa nella storia già nel 1116 al placito di Enrico V in Treviso, con Enrico Varimberto Erizo germani de Caldonazo, ove son nominati assistenti al Soglio Imperiale. Nel 1128 Penzo Varimberto e Willelmo regalano terre al monastero di Campese fondato dal consanguineo Tiso di Brenta pel celebre abate Poncio di Cluny. Da Penzo discese quel ramo dei Caldonazzo che, dopo acquistati i feudi dei signori di Castelnovo, così anche usarono chiamarsi. Enrico e Penzo compaiono alla dieta dei grandi vassalli coi conti del Tirolo, di Appiano (Eppan) e di Flavon al Saliceto il 5 maggio 1185. Son nominati pure secondi dei cinque colonnelli delle truppe al seguito di Enrico VI per l'incoronazione a Roma 1190 (Codex Wanghianus). Siccone I, il più famoso, tentò la signoria al pari degli Scaligeri e dei Carraresi imparentati con lui. Sua moglie fu Anna, di Nicolò della Scala, e pure suo cugino Albertino di Caldonazzo, sposò Anna del fu Federico della Scala e di Imperia di Svevia, figlia del principe di Antiochia, a sua volta figlio di Federico II. Imparentato con Lodovico il Bavaro (il cui figlio marchese del Brandemburgo ebbe per prima moglie Altaluna della Scala) ebbe nel 1346 dall'imperatore il vicariato di Feltre e Belluno. Già prima aveva avuto in signoria assoluta Marostica. Nel 1350 quando Elisabetta, figlia di Lodovico il Bavaro, andò sposa a Can Grande, egli e il duca di Teck, maresciallo dell'impero, tennero il freno al cavallo della principessa all'entrata in Verona. , caddero col duca Leopoldo d'Austria alla famosa battaglia di Sempach.

Buy a heraldic document on family Salvotto

Coat of Arms of family: Salvotto

Blazon of family

Troncato e cucito di rosso e di azzurro, coll'albero nodrito sulla pianura sostenuto da un leoncino d'oro. (D.R. 18 agosto 1925).
Buy Coat of Arms of family

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome