Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Santella, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Principi
Heraldik die Familie: Santella
Krone des Adels Santella Originaria dall'Alemagna, si stabilì nel villaggio dell'Antella di cui ebbe la signoria per lungo tempo e donde si trapiantò in Firenze. Uscirono da essa 15 Gonfalonieri, e 42 Priori. Filippo Vescovo di Ferrara, e poi di Firenze; il B. Manetto uno dei sette fondatori dell'Ordine dei Servi di Maria, e Lamberto il primo a battere moneta d'oro nella sua patria. Durante il principato, ebbe per diverso tempo anche la dignità senatoria e si estinse in Rocco di Antonio nel 1698. Numerosi autori della famiglia descrissero eventi e personaggi, attribuirono ad essa varie origini senza alcuna valida attestazione. La moderna critica... Fortsetzung folgtstorica ha, sulla scorta sicura dei documenti, fatto ragione delle artificiose ricostruzioni genealogiche di quegli scrittori che, per compiacente spirito d'adulazione, pretesero far discendere questa famiglia da nobili e antiche prosapie come quella di altre famiglie. Il commendatore G.B. di Crollalanza, nella sua opera " il Dizionario Storico-Blasonico, opera che in vari decenni e con l'aiuto di altri storici ne ha rintracciato l'esistenza veritiera sulla scorta di documenti e ricerche effettuate nei secoli passati.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Santella

Familien-Wappen: Santella

Blasonierung die Familie

Interzato in fascia: nel primo d'oro pieno; nel secondo di azzurro allo scudetto d'argento bordato d'oro, caricato di una torre merlata di rosso, accostato lo scudetto da due stlle di 8 raggi d'oro, una a destra e una a sinistra; nel terzo di rosso al monte di 3 cime d'oro movente dalla punta.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome