Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origin of last name Sarchese, country of origin: Italia

Nobility: Nobili - Cavalieri - Patrizi - Marchesi - Baroni - Principi
Heraldrys of family: Sarchese
Nobility crown Sarchese Antichissimo casato lombardo, passato a risiedere in terra sicula, al tempo dei re Normanni, in persona di Riccardo, castellano di Taormina, al servizio di re Guglielmo il Buono. Un ramo della famiglia si stabilì in Napoli con Raoul, ove è ancora in essere. In ogni modo, la famiglia godette nobiltà in Messina, Palermo, ed altre città della Sicilia; vanta essa numerosi cavalieri dell'Ordine Gerosolimitano, possedette il principato di Scaletta, il marchesato di Rajata, le baronie di Bambina, Bonalgergo, Casalotto, Castelluzzo, Foresta di Taormina, Graneri, Guidomandri, San Marco lo Celso, Nissoria, Rapisi, Gauteri, ed altre. Salimbene, figlio di Riccardo, fu valente... To be continueddottore, segretario e consultore dei re Ludovico e Federico III, da cui ottenne nel 1360 e 1366 i feudi di Malgini, Bimisini e Biniscari. Altro Salimbene fu signore della Scaletta nel 1399, poi straticò di Messina, maestro razionale nel 1415, protonotaro del regno, nel 1422; Giovanni Vescovo di Patti nel 1494; un Francesco, con privilegio dato a 25 aprile esecutoriato a 27 agosto 1512, ottenne il titolo di regio cavaliere; un Giovan Tommaso fu senatore di Palermo nel 1512-13; Salimbene Marchese, barone della Scaletta, fu strategoto di Messina nell'anno 1523-24; Salvo tenne la stessa carica nel 1536-37; Bartolomeo, nel 1561-62-63; Andrea, Giovanni, Francesco e Giuseppe, risultano ascritti alla mastra nobile del Mollica; altro Giuseppe, fu giudice pretoriano di Palermo nel 1602-3, e giudice delle Appellazioni nell'anno 1611-12; Francesco, con privilegio dato a 22 luglio 1614 esecutoriato a 4 febbraro 1615, ottenne il titolo di principe di Scaletta; Marcantonio fu giudice pretoriano di Palermo negli anni 1627-28-29, 1631-32, giudice della Gran Corte Criminale del Regno nel 1636-37 e 1640-41; Andrea, con privilegio dato a 9 febbraio esecutoriato a 6 luglio 1630, ottenne il titolo di Don e forse egli stesso fu quell'Andrea Marchisio che, con privilegio del 12 ottobre 1668, ottenne il titolo di barone di Oronte; Antonio fu giudice della corte pretoriana di Palermo negli anni 1694-95, 1699-1700, della gran corte criminale nel 1705, 1710-11, della civile nel 1717 e maestro razionale giurisperito del tribunale del Real Patrimonio nell'anno 1722; Placido Marchese e Strazzeri, con privilegio del 7 giugno 1709, ottenne il titolo di barone di Criato o Ripadimare; Gaspare, regio secreto di Palermo, luogotenente di corriere maggiore del regno, maestro razionale del tribunale del Real Patrimonio, con privilegio dato a 26 dicembre 1744 esecutoriato a 20 aprile 1749, ottenne il titolo di marchese di Raiata; un Francesco fu giurato di Messina nel 1745-46; Diego, fu governatore della Tavola di Messina nel 1792-93 ed egli stesso è notato nella mastra nobile di detta città del 1798-1807, nella quale mastra vediamo anche notati un conte Francesco Marchese, del fu Francesco Marchese e Natoli. Il ramo tuttora fiorente gode del titolo di march. di Granatello pervenutogli da casa Ruffo e quello di Barone di Pietrogoliti. Altro ramo. Famiglia napoletana, di origine longobarda, discesa dalla famiglia di Molise e propriamente dal conte Carlo Alfano, detto Marchese. Ha posseduto 43 feudi, due marchesati, un ducato e tre principati ed ha goduto nobiltà in Napoli fuori seggio, in Capua, in Roma, ecc. ed ha vestito l'abito del S.M.O. Gerosolimitano nel 1581. Altro ramo. Antica famiglia di Salerno, ascritta al seggio di Portaretese, illustratasi con un Andrea, regio consigliere e castellano di Salerno, nel 1322. Altro ramo. Originaria di Forlì, tal famiglia fu trapiantata in Liguria dai fratelli Andrea e Giovanni, i quali si stabilirono in Genova, nel 1420. Quivi furono ammessi nel numero dei patrizi, ed Andrea ebbe seggio fra gli anziani, nel 1337 e 1339. Francesco, figlio di Giovanni, fu capo della celebre ambasceria mandata dai Genovesi a Giovan-Galeazzo Duca di Milano quando lo
Buy a heraldic document on family Sarchese

Coat of Arms of family: Sarchese

Blazon of family

D'oro, alla fascia d'azzurro, caricata da una stella di otto raggi del campo.
Buy Coat of Arms of family

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome