Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Sattai, provenienza: Italia

Titolo: Cavalieri - Nobili
Araldica della famiglia: Sattai
Corona nobiliare Sattai
Coi diplomi in data 11 marzo 1642 venivano concessi a Francesco Sattai Sotgiu i titoli di cavalierato e di nobiltà e l'uso delle armi gentilizie, trasmissibili ai suoi figli e discendenti maschi. Nelle Corti generali, tenute in Cagliari sotto la presidenza del vicerè conte di Montellano nel 1698, furono abilitati trentuno membri di questa nobile ed antica famiglia, tutti residenti nei villaggi della parte settentrionale dell'isola, eccezione fatta per il dottor Agostino, residente in Iglesias. Nell'elenco dei feudatari dei nobili e dei cavalieri esistenti nei villaggi della provincia di Nuoro, compilato nel 1822 dalla Regia Prefettura e trasmesso alla... Continua
Regia Segreteria di stato e di guerra presso il vicerè di Sardegna, erano compresi i nomi di don Francesco, don Giuseppe e don Luigi Sattai, residenti a Gavoi. E nell'elenco compilato dalla Regia Prefettura di Sassari, nello stesso anno 1822, era compresso il nome di don Gabriele Sattai residente in Nulvi. Da questi discendono le varie famiglie inscritte nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano del 1922. Motto della famiglia: Solis ab influxv. Altro ramo. Famiglia gallurese le cui notizie risalgono agli inizi del secolo XVI. Nel 1502 un Angelo ottenne dal conte d'Oliva la podesteria del Coghinas, che i suoi discendenti tennero ereditariamente fino al 1596. Uno di essi, un Antonio, nel 1599 ottenne il cavalierato ereditario; i suoi figli furono ammessi allo stamento militare nel 1626 durante il parlamento Vivas. Da allora i Sattai parteciparono a tutti gli altri parlamenti. I figli di detto Antonio formarono due diverse linee della famiglia. a) Giovanni Antonio, continuò a risiedere Tempio; ebbe due figli, che formarono a loro volta due linee: Giovanni Battista continuò la linea dei Sattai di Tempio, che si estinse nel secolo XVIII; Giovanni Antonio si stabilì a Nulvi dove i suoi discendenti continuarono a risiedere. b) Da Giovanni Maria, l'altro dei figli di Antonio, discese un ramo che nel corso dei secoli si articolò ulteriormente. Suo figlio Francesco risiedeva a Bitti, nel 1642 ottenne il cavalierato ereditario, nel 1646 la nobiltà e fu ammesso allo stamento militare. I suoi figli diedero origine a tre diverse linee: da Pietro, che risiedeva a Buddusò, discesero i Sattai di Pattada e di Bonorva, che nel 1777 si trasferì a Mamoiada e Gavoi.

Compra un documento araldico su Sattai

Stemma della famiglia: Sattai

Blasone della famiglia

Inquartato: al primo e quarto di rosso a tre zappini di argento manicati di legno al naturale, ciasuno posto in banda ed ordinato in sbarra (Buttrio); al secondo e terzo, troncato di rosso e d'azzurro. Sul tutto d'argento al leone di rosso coronato di oro (Cucagna).
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome