Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Sbrescia, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Patrizi
Araldica della famiglia: Sbrescia
Corona nobiliare Sbrescia Antica famiglia del Napoletano, di chiara ed avita virtù, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia e del Mondo. Secondo quanto ci viene tramandato, la famiglia venne ammessa al patriziato della propria terra per benemerenze militari acquisite nel contrastare l'invasione turca nel Meridione. Vi è inoltre una teoria araldica che vuole la famiglia Sbrescia essere una diramazione dei Brescia, nobile casato oriundo dall'omonima città che però lasciò la patria al tempo delle fazioni, diramando in diversi luoghi d'Italia e mutando talvolta cognominizzazione. Le due famiglie, d'altronde, secondo congetture araldiche, alzano la medesima arme. In ogni modo, la famiglia... Continua

Sbrescia nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscita a produrre una serie di uomini che hanno reso illustre il suo nome, nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali ed ecclesiastiche e nel servizio militare. Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Tommaso, proprietario terriero nel napoletano, fiorente nel 1501; Luigi, medico della Scuola di Salerno, fiorente nel 1512; Gio. Batta, distintosi nella difesa di Malta contro i Turchi, nel 1565; Antonio, notaio, fiorente in Napoli, nel 1573; Angelo Maria, proprietario terriero, fiorente in Napoli, nel 1584; Benedetto, giurista napoletano, fiorente nel 1593; Filippo Maria, notaio, fiorente in Napoli, nel 1603; Agostino, milite di professione, fiorente in Napoli, nel 1617; D. Angelo, canonico, teologo e commissario apostolico, vivente in Abruzzo, nel 1638; P. Carlo, dell'Ordine dei Minori Riformati, fiorente nel 1639; Alessandro, dottore di legge, fiorente in Napoli, nel 1642; Luigi, protomedico alla Corte Napoletana, vivente nel 1645; Cav. Giovanni, il quale servì il re di Spagna durante la rivolta di Masaniello del 1647; Gio. Batta, dottore in "utroque jure", vivente in Napoli, nel 1676; Martino, notaio, vivente in Napoli, nel 1689; P. Alvise, dell'Ordine dei Predicatori, fiorente nel 1702; Federico, alfiere dell'Esercito del Regno delle Due Sicilie, fiorente nel 1739; Giulio, proprietario terriero nel napoletano, fiorente nel 1747; Luigi, alfiere dell'Esercito del Regno delle Due Sicilie, fiorente nel 1788. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Sbrescia

Stemma della famiglia: Sbrescia

Stemma  della famiglia Brescia

1 Blasone della famiglia Brescia

Spaccato; nel primo d'azzurro, al monte di tre cime d'argento, sormontato da una crocetta patente d'oro, nel 2° d'oro, ad una rosa di rosso.

Blasone della famiglia Brescia dal Veneto, in alcuni rami passati in Campania e all'estero si trova la forma cognominale Sbrescia. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook