Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Scalisse, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili
Heráldica de la familia: Scalisse
Corona de la nobleza Scalisse
Nella seduta consigliere del 6 settembre 1843 la Magistratura municipale di Pistoia, su proposta del gonfaloniere, conferiva per acclamazione la cittadinanza pistoiese all'avv. Antonio, auditore presso qual Tribunale di prima istanza, n. a Grosseto il 14 ottobre 1802, dal comandante Giuseppe, di Antonio, senese, e da Matilde Ricci, il quale aveva sposato in Pistoia, Antonietta, del fu Andrea Frediano, consiglio di Stato del duca di Lucca, già vedova del nobile pistoiese Tommaso Scarfantoni, e ne aveva nel 1841 la figlia Eugenia Luisa. Nella successione riunione del 14 settembre, la Magistratura suddetta deliberazione dell'auditore alla nobiltà locali, e il granduca con... Continuará
rescritto 26 ottobre 1843, accoglieva benevolmente la proposta in vista dei meriti personali del nobilitando. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di nobile di Pistoia (mf.), in persona dei disc. da Antonio, di Giuseppe, ed è stata rappresentata da: Emilia, di Tommaso, di Antonio, di Giuseppe. Altro ramo. Originaria di Fiesole, ebbe magnifici casamenti in Firenze, con torre e loggia, presso S. Trìnita. Al suscitarsi delle fazioni nel 1215 seguì la parte guelfa e molti danni sofferse ne' suoi possedimenti dopo la disfatta di Montaperti nel 1260. Messer Rinieri, di Rinuccio, fu console nel 1215; Manetto, di Spina, dopo di essersi acquistata riputazione di valoroso alla battaglia di Campaldino nel 1289, fu podestà di Brescia nel 1298 ed in seguito di molte altre città d'Italia; Giorgio, di Francesco, fu priore nel 1378, si fece capo del popolo e promosse la famoso rivolta dei Ciompi, e in tale occasione fu eletto gonfaloniere e governò per tre anni con potere quasi assoluto la città di Firenze, ma resosi odioso per le sue prepotenze fu decapitato nel 1381. Anton-Francesco, di Bartolomeo, fu anch'egli priore nel 1480 e 1496.
Comprar un documento heráldico de Scalisse

Escudo de la familia: Scalisse

Blasòn de la familia

D'azzurro alla scala d'oro di sei piuoli, poggiata su un monte di verde a tre cime all'italiana e sostenuta da due leoni controrampanti d'oro.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome