Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Scandariatto, provenienza: Italia

Titolo: Baroni
Araldica della famiglia: Scandariatto
Corona nobiliare Scandariatto
La famiglia Mattei, anche Matteo, è la medesma c'hoggi chiamano Scandaliato, over S. e questo agnome processe per qualche accidente il primo che venne d'Italia, in Sicilia fù Lodovico di Mattei gentil'huomo Perugino Armigiero del Rè Lodovico, dopo la cui morte il Rè Federico terzo lo fece Capitano di Siragusa, e della Regina Maria hebbe l'uffico di Mastro Secreto della Camera Reginale; suo figlio Nicolò si casò con la figlia di Giacomo Serra gentil'huomo Siragusano; per lo che acquistò il feudo di Morbano. Questo feudo è posto nel tenitorio di Bizzini, e fù primieramente di Landino di Ferla uno de'... Continua
Baroni della medesma Città, ma per la sua rubellione il Rè Martino lo diede à Giacomo Serra gentil'huomo di Siragusa nel 1393, che per la sua morte senza herede gli successe l'altro Giacomo Serra suo coggino, che lo dotò nel 1397 à sua figlia Camilla casata col predetto Nicolò di Matteo, il quale fù agnomato Scannamariato, e Scannariato che gli successe il figlio Gio. Giacomo. Mutio di Matteo Scannariato hebbe del Re Alfonzo la Capitania d'Agrigento, e Gio. Nicolò l'ufficio di Portolano di Sacca, e Lalicata. Pietro fu Barone di Mantana, e visse assai ricco, e molt'altri gentil'huomini di lei fiorirono.
Compra un documento araldico su Scandariatto

Stemma della famiglia: Scandariatto

Blasone della famiglia

D'oro al capro di nero saliente sopra un monte di sei cime di verde.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome