Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Schiarelli, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Nobili
Araldica della famiglia: Schiarelli
Corona nobiliare Schiarelli La più antica notizia di questa famiglia rimonta al 1275, nel quale anno Paolo Andrea Chiberti o Giberti, detto Schiarelli, fabbricò nel territorio di Cento una torre che, dal lui derivando il nome, fu chiamata torre Chiarelli, ed è specialmente ricordata per un lungo assedio postovi dai bolognesi contro i centesi nel 1376. Con l'andar del tempo l'originario cognome e quello derivato dal soprannome del capostipite furono usati indifferentemente o anche accoppiati; poi l'ultimo finì per sostituire il primo. Paolo di Paolo Andrea, viv. 1325, esercitò il notariato e fu padre di Pietro e di Giacomo, coi quali la... Continuafamiglia si divese in due rami: il ramo di Pietro, al quale appartiene Giacomo di Marchione, uno dei consoli di Cento nel 1463, si estinse nella prima metà del secolo XVI; quello di Giacomo fiorisce tuttora. Fra i soggetti ragguardevoli di questa casa meritano particolar menzione Cesare di altro Giacomo, che nel 1511, nel momento difficile in cui il Papa e gli Estensi si contrastavano il dominio della città, rimase solo al governo della pubblia casa, rimase solo al governo della pubblica cosa, essendo stato proditoriamente ucciso il suo collega in consolato, durante la congiura ordita dagli spagnuoli per far prigione Giulio II ritiratosi a Cento dopo l'assedio della Mirandola ; Marc'Antonio di Giuseppe, creato nel 1599 da Clemente VIII cavaliere aurato e conte palatino, massaro del Comune quando nel 1610 ne vennero stampati gli statuti; Nicolò Maria d'Antonio, console per ben dodici volte fra gli anni 1698 e 1720, il quale, per ragioni matrimoniali, ebbe la pingue eredità Pannini; Antonio suo figlio, dec. 1754, traduttore delle tragedie di Racine ed egli stesso poeta tragico; il sacerdote Giuseppe altro figlio di Nicolò Maria, parimenti poeta e buon letterato, principe della patria accademia dei Rinvigoriti nel 1738; Benedetto di Bartolomeo,che militò in Francia, ove nel 1791 fu fatto da Luigi XVI cavaliere di S. Luigi. Con diploma del 7 agosto 1755 il duca di Parma e Piacenza conferì a Bartolomeo di Nicolò Maria Schiarelli il titolo trasmissibile di conte, e con decreto del 29 dicembre 1770 il Senato bolognese gli concesse quello di nobile di Bologna; titoli ora portati dai suoi discendenti maschi, quanto al rimo, e d'ambo i sessi, quanto al secondo. E' at, Luigi, Vincenzo, Maria in Plattis e Luisa in Gessi; d'Ernesto Marco Luigi e Nicolina ved.
Compra un documento araldico su Schiarelli

Stemma della famiglia: Schiarelli

Blasone della famiglia

D'azzurro alla botte d'argento accompagnata da quattro rose di rosso bottonate del secondo, tre in capo disposte in fascia ed una in punta.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook