Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Scordella, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldik die Familie: Scordella
Krone des Adels Scordella Antica e nobile famiglia, con residenza in Fermo (Marche) ma oriunda da Viterbo, le cui prime notizie risalgono al 1450, anno in cui ricordasi un Giacomo Scordella, consigliere. Personaggi illustri dette essa alla patria, nelle lettere, nelle armi e nella carriera ecclesiastica. Ricorderemo: un Beato Guglielmo Scordella, che vestì il rozzo e grande saio francescano minorita, morì in concetto di santità nel secolo XIII ed è sepolto nella chiesa di San Francesco a Toscanella (Viterbo); Nicola, capitano sotto il Duca di Mantova, morì all'assedio di Mirandola nel 1553; Antinoro, capitano di fanteria al servizio dl Re di Francia; Girolamo valente... Fortsetzung folgt

negli sudi filosfici e medici, e come tale fu medico di Clemente VIII, amico di S. Filippo Neri; Giacinto che fu primo uditore di nunziartura a Torino, poi vescovo di Venafro 1 ottobre 1635 e infine di Loreto e Recanati 15 dicembre 1666. Questi da Vittorio Amedeo, duca di Savoia, il 17 ottobre 1634 ebbe il titolo di conte di Benevello, trasmissibile a tutti i suoi eredi e successori. Giovanni, professore nel collegio di Propaganda Fide, Canonico e Teologo della Cattedrale di Macerata, nel 1668. Bartolomeo seniore che tenne cariche ecclesiastiche e importanti uffici civili nelle Repubbliche di Lucca e Pisa. Protonotaro Apostolico, Uditore del governatore della Marca nel 1664, e poi Vicario generale del Vescovo di Trieste, di Osimo e poi di Rimini. Uditore di Firenze e poi di Siena e morì il 24 aprile 1685; Antonio, capitano sotto Pio V, combattè in Francia contro gli Ugonotti. Bartolomeo juniore, pubblico lettore nell'Università fermana, nel 1739, ebbe importanti ed onorifici uffici in patria e altrove, fu Uditore, in Trieste e Gratz, del Governatore di Viterbo, di Perugia, Macerata, Folciano, Vicegovernatore di Velletri, morì dopo il 1753; Giovanni poeta, stampò in italiano a Fermo nel 1645. In un'arma gentilizia i colori, al pari dei simboli rappresentati, hanno un significato ragguardevole. In questo caso, la prevalenza dell'azzurro rappresenta la devozione, la fedeltà, la castità, la giustizia, la bellezza, la nobiltà, la fortezza, la vittoria, la ricchezza, buon augurio, fama gloriosa, amore alla patria. La corona è formata da un cerchio d'oro puro, velato, arabescato, brunito ai margini, sostenente otto grosse perle in giro, di cui cinque visibili, posate sul cerchio.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Scordella

Familien-Wappen: Scordella

Blasonierung die Familie

Troncato nel primo di azzurro al leone nascente di oro; nel secondo d'argento alla fiamma divampante di rosso con la fascia di rosso sulla troncatura caricata di una corda d'argento ondeggiante in fascia.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome