Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Sebia, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Sebia
Corona nobiliare Sebia La famiglia B. fu annoverata tra le patrizie, e nobili Romane avanti Cesare Augusto, e conseguì il consolato in quella Repubica, secondo il Panuino, e il codice di Giustiniano in persona di quel Cn. B. Panfilo; E nella seconda guerra de' Romani contro Anibale Cartaginese, fu di grande autorità Q. B. mandato dal Senato Romano al suddetto Anibale; per sapere con qual autorità, o motivo avesse assediato, e preso Sagunto; onde per tale accidente restava rotta la tregua, che era tra' che era tra' Romani, e Cartaginesi; e che però se l'intimava dal Senato Romano guerra. M. B. fu... ContinuaPretore, e Legato al Re Filippo di Macedonia. E Q. B., secondo Appiano Alessandrino fu Capitano generale di Pompeo, e del Senato Romano, e comando anche l'armata di mare composta di 600. navi; godendo in fine tutti i magistrati di Roma. Imparentò questa con i Vibj, che si fecero poi perugini, per avere e di assistiti alla riedificazione di Perugia, come costa nell'Istoria del Ciatri, da' quali ne nacque quell'Imperatore C. Vibio Treboniano Gallo, come di sopra abbiamo provato nel trattato della famiglia Vibia; e riferedosi dal suddetto autore quell'iscrizzione non ben da esso esplicata; dicendo che A. Finia Gemina Bebiana moglie del sudd. Vibio Gallo non ancora Imperatore, fosse figliuola di Macro B., che fiorì del 271. di Cristo, prefetto del pretorio; e che B. Lungo chiarissimo Senatore Romano, Condiscepolo di Marcantonino, il Filosofo, fosse l'Avo di S. Bebiana; e che da questi poi nascesse la detta Santa Vergine, e martire, onde questa famiglia per si gloriosa donna, con ragione può portare, tra l'altre descritte, la palma, e perche secondo il Panuino sopracitato, questafamiglia B. fu avventizia Romana, è forza credere la sua origine d'altrove; come in effetto si prova essere d'Asisi, perche questa esercitò ivi tutti gli Offici, e Magistrati, vedendosi di ciò molte memorie in Asisi incise in diversi macigni, ed in particolare in un grosso, e grande travertino, posto nel giardino dell'Abbate Commendatario di S. Pietro d'Asisi avanti detta Chiesa. Giuseppe Scaligero fa onoratissima menzione di quel M. Elpidio Panfilo, che piantò nella provincia di Guienna la sua famiglia della Panfilia, dalla cui puol essere discesa la famiglia Panfilia di gubbio, che dicono alcuni Autori essere, venutuesta famiglia Panfilia provenisse da questo glorioso Sangue Bebiano lasciando tutte le dicerie poste nel Platina, mentre vi è la sicurezza essere questa di Gubbio non distante d'Asisi, dove ne' primi secoli fiorì la famiglia B., che portò poi il cognome di Panfilio la quale fosse in quei tempi infeudata dal sopraddetto Carlo Magno.
Compra un documento araldico su Sebia

Stemma della famiglia: Sebia

Blasone della famiglia

D'oro a una torre d'argento.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome