Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Seranto, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili
Heráldica de la familia: Seranto
Corona de la nobleza Seranto I Serantoni, che i genealogisti lucchese fanno derivare dai Vernaccia si trovano presenti in Lucca al giuramento di Giovanni di Boemia nel 1331 con Franceschino, della contrada di S. Pietro Sonaldi, ed assumono il loro cognome al principio del secolo XV con ser Antonio, di Jacopo, di Nicolao. Dal 1432 al 1798 ebbero nel governo della Repubblica molti gonfalonieri ed anziani. Sostennero uffici e ambascerie come Pietro, di Jacopo, inviato dal 1582 al 1585 presso Filippo II di Spagna. Il P. Giuseppe Maria, dell'Ordine di S. Agostino, fu valentissimo idraulico del secolo XVIII ed autore di relazione sulle bonifiche del... Continuaráterritorio lucchese, disegnò una grande carta topografica del dominio della Repubblica, e scrisse e pubblicò nel 1765 una "Apologia del Volto Santo". La famiglia Serantoni fu iscritta nel Libro d'Oro della famiglie nobili della Repubblica nel 1628, e dalla Deputazione della nobiltà del Ducato borbonico ebbe riconosciuto, con decreto del 16 settembre 1828 "il diritto d'inserire nella sua arma gentilizia i gigli concessi da S. M. il Re di Francia". La stessa Deputazione concesse alla famiglia la nobiltà patrizia ereditaria ai discendenti da Scipione (sp. con Raffaella Rayo), di Carlo e da Vincenzo, di Francesco. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di nobile patrizio di Lucca (mf.), in persona di Francesco, di Vincenzo, di Scipione.
Comprar un documento heráldico de Seranto

Escudo de la familia: Seranto

Blasòn de la familia

D'azzurro a tre rose gambute e fogliate d'oro, bene ordinate.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome