Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Stabia, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldik die Familie: Stabia
Krone des Adels Stabia
Famiglia siciliana assai antica ed illustre, che ebbe dimora nella città di Palermo. Uno Stefano Stabia, fu giudice della R. Gran Corte Pretoriana nel 1743, e quindi del Concistoro nel 1757; uno Stefano, tenne la carica di giudice della corte pretoriana della città di Palermo nel 1743-44, del tribunale del Concistoro negli anni 1757-58-59. Il Mugnos, nella sua opera " Teatro genealogico delle famiglie nobili di Siciliane", dice che sia appartenuto a questa stessa famiglia quel Mariano, insigne patriota, che prese grande parte alla rivoluzione del 1848, e che fu deputato alla camera dei comuni e ministro del governo provvisorio.... Fortsetzung folgt
La presenza dell'arme e del motto, nella bibliografia documentata della famiglia Stabia, ci conferma l'avita nobiltà raggiunta dalla casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il motto era un pensiero espresso in poche parole facente allusione a un sentimento palese o nascosto, a una qualità, a un ricordo storico, per stimolo al coraggio o onore. Era scelta dal capo della famiglia, dal cavaliere entrante in lizza o data dal sovrano al proprio uomo ligio. Motto della famiglia: Fortuna non mutat genus.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Stabia

Familien-Wappen: Stabia

Blasonierung die Familie

Di nero al leone troncato di oro e d'argento, linguato di rosso.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome