Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Stangarone, país de origen: Italia

Nobleza: Conti - Marchesi - Nobili
Heráldica de la familia: Stangarone
Corona de la nobleza Stangarone
Antichissima ed illustre famiglia cremonese. Alcuni storici le attribuirono come capostipite un Manicardo, padre di Oliviero, che nel 1112 era guerriero e avrebbe generato il ramo dei Stangarone, poi conti di Castelnuovo Bocca d'Adda, e di Ubertino, uno dei 16 senatori di Cremona, nel 1117, e che avrebbe generato il ramo degli Stangarone, marchesi di Annicco e che si chiamarono S. Trecco. Ma tale origine è sussidiata solo dalla tradizione e non da documenti genealogici. Capostipite provato degli Stangarone, conti di Castelnuovo Bocca d'Adda, è un Samuele, governatore di Bozzolo nel 1293, ed il di lui figlio Gasparino, giureconsulto, fu... Continuará

eletto dal marchese Obizzo d'Este, quale giudice dei Savi in Ferrara. Da costoro segue una lunga teoria di uomini che illustrarono la patria. Cristoforo, detto il "gran cavaliere", fu incaricato di ambascerie presso principi e pontefici, nominato luogotenente generale in tutto lo stato di Milano da Gian Galeazzo Visconti e eletto decurione di Cremona nel 1387, anno nel quale, con altri giureconsulti riformò gli statuti della città; un altro Cristoforo, famigliare ducale nel 1741, ottenne di estrarre otto oncie d'acqua dal naviglio di Cremona, con lettere ducali del 16 agosto 1477 e, nel 1483, fu eletto decurione della città; Marchesino fu cancelliere del duca di Bari, Lodovico il Moro, ricevette in dono, nel 1845, la Banca della Notaria di Cremona, con lettere ducali del 20 marzo 1489, potè acquistare da Daniele Birago il Dosso di Bellagio, divenendo così il feudatario di tutta la riviera di Lecco, fu segretario del duca Galeazzo Maria Sforza e, da questi, con diploma I° gennaio 1492, fu investito del feudo di Castelnuovo Bocca d'Adda, nello stesso anno, donato di una pensione di lire 1600, ottenne poi, con lettere ducali, 11 luglio 1499, di estrarre dodici oncie d'acqua dal naviglio, presso Corsico e tutto ciò in gratificazioni dei prestati servigi. Morì senza successori maschi si che, dopo la sua morte, il feudo di Castelnuovo Bocca d'Adda ritornò alla camera Ducale. Detto feudo passò poi al ramo collaterale in persona di Camillo, del fu Giulio, il quale con istrumento 11 ottobre 1555, rogato da Gerolamo Leganni, e ottenne investitura per il prezzo e mercato di 2500 scudi d'oro d'Italia, compresi i dazi, redditti ed imbottato con mero suddetta investitura.


Comprar un documento heráldico de Stangarone

Escudo de la familia: Stangarone

Blasòn de la familia

Palato d'oro e di nero.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome