Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Stramigioli, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Stramigioli
Corona nobiliare Stramigioli Famiglia pesarese ascritta a quella nobiltà in persona di Antonio nel 1830, ed iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di nobile di Pesaro (mf.), ed è rappresentata da Tommaso dal fu Luigi (1856, deced. 1914) e Maria Buschini (26 giugno 1859); spos. 7 giugno 1909 con Guglielmina Girometti. Figlia: Bianca Maria, nata il 25 maggio 1912. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri,... Continua

esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il motto era un pensiero espresso in poche parole facente allusione a un sentimento palese o nascosto, a una qualità, a un ricordo storico, per stimolo al coraggio o onore. Era scelta dal capo della famiglia, dal cavaliere entrante in lizza o data dal sovrano al proprio uomo ligio. Motto della famiglia: Letus Stramine.


Compra un documento araldico su Stramigioli

Stemma della famiglia: Stramigioli

Stemma  della famiglia Stramigioli

1 Blasone della famiglia Stramigioli

Troncato: nel primo di azzurro alla cometa accostata da due stelle di sei raggi, il tutto d'oro; nel secondo di rosso al bue attraversante da un fiume "Letus" che scorre in una campagna di verde; con la fascia d'argento attraversante sulla troncatura.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook