Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Tamburrini, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Cavalieri
Araldica della famiglia: Tamburrini
Corona nobiliare Tamburrini
Antica famiglia, di chiara e provata nobiltà, originaria di Ferrara, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. L'origine di tal cognominizzazione, al dir di illustri genealogisti, andrebbe ricercata in un soprannome, legato, a sua volta, alla funzione di tamburino, nell'esercito o come banditore cittadino, occupato, probabilmente, da un, oggi ignoto, capostipite. In ogni modo, ad Angelo, nato a Ferrara l'11 luglio del 1784, da Giuseppe di Nicola Tamburrini e da Maria Caterina Poltrini, cavaliere aurato e dell'Ordine di S. Gregorio Magno, con atto 15 marzo 1840 venne concessa la nobiltà ereditaria di S. Arcangelo; egli sposò Geltrude Prosperi... Continua

Buzzi e morì in Ferrara nel 1850, lasciando tre figli, fra i quali l'avv. cav. Augusto, nato il 31 maggio 1830, sposato con Rita Squarzoni. Morì il 16 aprile 1891, lasciando due figli che oggi rappresentano la famiglia. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di nobile di S. Arcangelo (mf), in persona di Angelo, di Augusto, di Angelo, nato a Ferrara il 14 marzo 1857. Sorella: Teresita, nata a Ferrara nel 1862, moglie del sig. Oreste Buzzoni. Arme. Di rosso al tamburo sostenente due bracchette divergenti, il tutto d'argento; col capo d'Angiò. Altro ramo. Nobile famiglia fiorentina, con residenza in Santa Maria Novella, nel gonfalone Lion bianco, la quale levò per arme. D'azzurro, alla fascia diminuita d'argento, accompagnata in capo da una crocetta patente di rosso e in punta da un tamburo al naturale, sostenente due bacchette dello stesso appuntate in pila. Alias. D'azzurro, al tamburo al naturale posto in banda, sostenente due bacchette dello stesso appuntate in pila, e al capo d'argento caricato di una crocetta di rosso. Altro ramo. Nobile famiglia modenese, di chiara ed avita virtù, la quale è ricordata per aver dato i natali a Fortunato e Michelangelo Tamburrini. Michelangelo Tamburini (Montese, 27 settembre 1648 - Roma, 28 febbraio 1730) è stato un gesuita italiano, Preposito Generale dell'ordine, dal 31 gennaio 1706 alla morte. Divenuto Generale dell'Ordine, diede un notevole impulso all'attività apostolica dell'ordine, sia in Europa che in terra di missione, soprattutto in Paraguay. Durante il suo generalato proseguirono le polemiche relative alla questione dei riti cinesi: alla Compagnia venne inoltre attribuita la responsabilità della bolla Unigenitus contro i giansenisti e la distruzione di Port-Royal; sempre in Francia, i gesuiti subirono l'interdetto lanciato contro di loro dal cardinale di Parigi Louis-Antoine de Noailles. Mons. Fortunato Tamburini (Modena, 2 febbraio 1683 - Roma, 9 agosto 1761), nipote del predente, teologo settecentesco della corte pontificia che fu, ironia della sorte, uno dei principali responsabili della soppressione della Compagnia di Gesù, avvenuta nel 1773. Creato cardinale presbitero nel concistorio del 9 settembre 1743, ricevette la porpora cardinalizia e il titolo di San Matteo in Merulana il 23 settembre di quello stesso anno. Divenuto Primo Prefetto della Sacra Congregazione per la Correzione dei Libri della Chiesa Orientale, fu il primo di questo dicastero creato da Papa Benedetto XIV. Dopo aver optato per il titolo di San Callisto il 9 aprile 1753, divenne Prefetto della Sacra Congregazione dei Riti e Camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali dal 17 febbraio 1755. Dopo aver partecipato al conclave del 1758 che elesse pontefice Clemente XIII, morì a Roma il 9 agosto 1761. La sua salma venne esposta alla Basilica dei Santi XII Apostoli dove vennero anche eseguiti i funerali, anche se il suo corpo venne sepolto poi nella sua chiesa titolare di San Callisto. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto


Compra un documento araldico su Tamburrini

Stemma della famiglia: Tamburrini

Blasone della famiglia

Di rosso al tamburo sostenente due bracchette divergenti, il tutto d'argento; col capo d'Angi
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome