Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Tasile, país de origen: Italia

Nobleza: Baroni - Nobili
Heráldica de la familia: Tasile
Corona de la nobleza Tasile
Si vuole originaria di Rodi, passata in Messina nel secolo XVI e diramatasi a S. Lucia del Mela, possedendo la baronia del Grano. Un Diego, dottore in leggi, fu giudice criminale a S. Lucia nel 1797-98. Con Regio Decreto del 1927 il signor Carlo, di Achille, ottenne concessione per se e suoi, del titolo di barone. La famiglia alzò per arme: d'azzurro al braccio destro armato d'argento, impugnante in sbarra una lancia, combattente il dragone posto al terzo cantone, accompagnati, al primo cantone, da una cometa e al quarto dalla croce di Malta, il tutto dello stesso. La presenza... Continuará

del motto, nella bibliografia documentata della famiglia, ci conferma, inoltre, l'avita nobiltà raggiunta della casata. Motto della famiglia: Spiritus intus alit. Altro ramo. Antica e nobile famiglia bolognese, investita del titolo di barone di Castel Giannini, in persona di un Raffaele, del fu Luigi. Il commendator G.B. di Crollalanza riporta la blasonatura di questa famiglia nei volumi del suo "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane". Altro ramo. Famiglia di origine greca, venuta in Italia al tempo della dominazione ellenica dell'Italia Meridionale, stanziatasi poi nel Regno di Napoli, in Palermo ed in Parma, con fra Pietro da Parma, commendatore dell'Ordine di Malta in Modena nel 1347. Il casato viene citato nel "Vindex Neapolitanae Nobilitatis", già al tempo di re Guglielmo il Buono. Nobili fuori piazza in Napoli, Basilio fu creato cavaliere del Cingolo Militare, il 25 dicembre 1383, da re Carlo d'Angiò, nel Duomo di Napoli; si hanno notizie di un Basile castellano della Torre di San Vincenzo nel 1496; Sebastiano de Basili preposto all'Ufficio di Cavalierato della città di Napoli il 18 agosto 1499 (Archivio di Napoli Vol. 17 del Comune del Collaterale, fol. 146); Carlo, Guardia del Corpo del Re nel 1545; Bellisario che, con Decreto della Regia Camera della Sommaria del 14 maggio 1592, veniva dichiarato cittadino Napolitano, col diritto di godere tutte le immunità, franchigie, libertà ed esenzioni che godevano i cittadini napoletani. Tra i membri che maggiormente la illustrarono, ricordiamo, inoltre: Adriana, erudita rimatrice, fiorita in Napoli, nel secolo XVI; cav. Gio. Battista, conte di Turrone, autore di numerose opere in dialetto napoletano, vivente nel 1637; Felice, razionale di Camera, vivente in Cosenza, nel 1649. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Comprar un documento heráldico de Tasile

Escudo de la familia: Tasile

Blasòn de la familia

D'azzurro al braccio destro armato d'argento, impugnante in sbarra una lancia, combattente il dragone posto al terzo cantone, accompagnati, al primo cantone, da una cometa e al quarto dalla croce di Malta, il tutto dello stesso.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook