Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Tondi, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Patrizi
Araldica della famiglia: Tondi
Corona nobiliare Tondi Antica ed assai nobile casato della città di Siena, i cui membri furono dei Nove, sotto il governo dei Trentatré, propagatosi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Molti sono stati gli illustri personaggi che a tal famiglia appartennero. Tra costoro, ricordiamo: il beato Jacopo, certosino, compagno di S. Caterina; fra Giacomo, conventuale, fra i più illustri del suo Ordine; Attilio, lettore e avvocato e uditore di Rota in Bologna nel 1575; Francesco, commissario generale in Siena. Durante la lotta delle fazioni tre fratelli si rifugiarono in Gubbio, Jesi e Viterbo dando origine in questa città a tre rami... Continuadella famiglia. Del ramo stabilitosi a Gubbio molti coprirono la carica di gonfaloniere e furono ascritti a quella nobiltà sin dal 1776, con Damiano. Appartenne a questa famiglia Luca che si creò celebrità con la difesa di Valliano nel 1554. La famiglia è iscritta genericamente nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano del 1922 con titolo di nobile di Gubbio (mf.), in persona dei discendenti da Damiano (1776). La chiara nobiltà della casata risulta ulteriormente confermata dalla sua presenza nella pregevole opera "Il Dizionario storico-blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti", del genealogista Giovan Battista di Crollalanza, pubblicata a Pisa nel 1886 in tre volumi, di oltre 1400 pagine. Da una analisi cromatica e simbolica dello stemma, possiamo, infine, ricavare alcune importanti informazioni sulle virtù associate a tal cognome. Il rosso, richiamandosi al sangue versato in battaglia, rappresenta il valore, l'audacia, la nobiltà ed il dominio; la rosa è simbolo di bellezza ma anche, soprattutto se di colore oro, di nobiltà, onore e meriti riconosciuti; il capo d'Angiò, introdotto in Italia da Carlo d'Angiò, veniva concesso alla parte guelfa, a ricordo della vittoria su Manfredi ottenuta a Benevento nel 1266. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Compra un documento araldico su Tondi

Stemma della famiglia: Tondi

Stemma  della famiglia Tondi

1 Blasone della famiglia Tondi

Di rosso, a tre rose d'oro bottonate del campo; con il capo cucito d'Angiò.

Le originarie figure (collari da torneo) sono diventate rose, forse per cattiva esecuzione, a partire almeno dalla seconda metà del XVI secolo. Deriverebbero da una famiglia famiglia Rossi di Gubbio. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 6602.

Stemma  della famiglia Tondi

2 Blasone della famiglia Tondi

Di rosso, a tre collari di torneo d'oro, 2.1; con il capo cucito d'Angiò.

Arma antica; citata in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 6602.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2015 - 2016 Heraldrys Institute of Rome