Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Tramelli, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldik die Familie: Tramelli
Krone des Adels Tramelli Famiglia oriunda da Moncalieri, passata poi in Asti. Giovanni Francesco Tramelli, che sposò Margherita Loyra, ebbe due figli Gio. Carlo e Giovanni, stipite quest'ultimo della presente linea. Gio. Carlo, che fu sergente maggiore di Asti, acquistò punti di celle dai Berlingieri il 22 marzo 1688, e ne fu investito il 25 agosto 1688. Il figlio di costui, Secondo Giuseppe, che fu investito nel 1701 vendette punti di Celle il 24 luglio 1697 al cugino Giulio Cesare. Si estinse la linea primogenita con Ignazio, di Gio. Francesco, che era certosino col nome di padre Secondo, e quindi secolarizzato con Breve del... Fortsetzung folgt

9 febbraio 1798. Giovanni Tramelli, fu avvocato fiscale patrimoniale in Asti e referendario d'Asti. Ebbe, fra gli altri, Giulio Cesare che fu investito del feudo di Celle, acquistato dal cugino Secondo Giuseppe, il 23 marzo 1698. Fu suo fratello Antonio, che fu canonico regolare lateranense, abate di S. Martino d'Asti e celebre miniaturista. Delle generazioni moderne sono da ricordarsi l'avvocato Gio. Gaspare, di Giulio Cesare, che giurò coi nobili nel 1822 e fu investito di Celle il 19 aprile 1793 e il figlio di costui avvocato Vittorio da cui nacquero Luigi Maria e Carlo Luigi. Questa famiglia ha il titolo comitale per antico possesso. Motto della famiglia: Fides spes caritas.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Tramelli

Familien-Wappen: Tramelli

Blasonierung die Familie

D'oro al monte di tre cime all'italiana d'argento nascente dalla punta cimato da tre aghi al naturale posti a ventaglio.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome