Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Turo, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Variazioni cognome: Turi - Deturo
Araldica della famiglia: Turo
Variazioni cognome: Turi - Deturo
Corona nobiliare Turo Antica ed assai nobile famiglia campana, di chiara ed avita virtù, la quale, secondo quanto ci viene tramandato, discenderebbe dai Turi o Turo, nobili di Pistoia, la cui blasonatura, condivisa, è riportata nella pregevole opera "Raccolta Ceramelli Papiani", costituita nel corso di molti anni da Enrico Ceramelli Papiani (1896-1976), la quale è un fondo conservato nell'Archivio di Stato di Firenze e composto da quasi 8000 fascicoli, intestati a famiglie toscane di antica origine, che forniscono notizie genealogiche e araldiche tratte da fonti archivistiche conservate nell'Archivio fiorentino o in altri istituti archivistici o in biblioteche della regione. In ogni modo, l'origine... Continuadi tal cognominizzazione, al dir di autorevoli genealogisti, andrebbe ricercata in una variazione aferetica dialettale del nome "Salvatore", ridotto prima a "Salvaturo", quindi, per aferesi, a "Turo". Inoltre, tal famiglia, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscita a produrre una serie di uomini che resero illustre il suo nome, nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali ed ecclesiastiche e nel servizio militare. Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Giacomo, giurista in Napoli, fiorente nel 1508; Antonio, giurista, fiorente in Napoli, nel 1516; Leone, protomedico alla corte napoletana, fiorente nel 1528; Benedetto, dottore in "utroque jure", fiorente in Chieti, nel 1539; Gio. Batta, proprietario terriero, fiorente in Capua, nel 1541; Giacomo, proprietario terriero, fiorente in Napoli, nel 1558; Giuseppe, distintosi nella difesa di Malta contro i Turchi, nel 1565; Antonio Maria, Regio Notaio, vivente in Napoli, nel 1584; D. Luigi, canonico, teologo e commissario apostolico, vivente in Avellino, nel 1604; Antonio, dottore in "utroque jure", vivente in Napoli, nel 1613; Bartolomeo, il quale servì il re di Spagna durante la rivolta di Masaniello del 1647; Giacomo, dottore in "utroque jure", vivente in Napoli, nel 1662; Antonio Maria, notaio, vivente in Avellino, nel 1679; Pasquale, revisore d'armi del Regio Esercito del Regno delle Due Sicilie. Tra gli attuali rappresentanti della casata, annoveriamo il Professor Fabio Turo, nato a Napoli il 20 Aprile 1978, militare nell'arma dei Carabinieri e Guardia d'Onore. Per onor di completezza dobbiamo riportare una ipotesi, per quanto non confermata, secondo cui la famiglia Turo campana e la famiglia Muro sarda, precisamente di Cagliari, la quale ottenne il cavalierato ereditario nel 1679, sarebbero in realtà rami di una medesima schiatta. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Compra un documento araldico su Turo

Stemma della famiglia: Turo
Variazioni cognome: Turi - Deturo

Stemma  della famiglia Turi, Turo, De Turo

1 Blasone della famiglia Turi, Turo, De Turo

D'argento, a quattro fasce cucite d'oro e alla banda attraversante di rosso.

Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 7570.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome