Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Urmi, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Urmi
Corona nobiliare Urmi
Se ne à memoria fino dal secolo XIII. Dettero alla patria 25 illustri personaggi che furono ascritti al Consiglio degli Anziani; 8 appartennero al Consiglio degli 800 e cinque furono senatori. Un Giovanni I fu Gonfaloniere di giustizia nel 1383: un Giovanni II nel 1464 e un Giovanni III nel 1559. Uscì da questa famiglia la B. Rengarda morta nel 1410. Così poco si trova di molte famiglie per le scritture antiche che questi mi farà scusa, quando io non darò contezza certa dei principi loro, e di quelle si potrà argomentare cone nobiltà, poichè nei moderni tempi non si... Continua

ha memoria alcuna dell'origine loro, come ora appuo m'intraviene dela famiglia Urmi molti nobile, e antica quale divisa in due rami, e il principale estinto, dove erano i Senatori vi è rimasto quello di strada maggiore, che è stato alquanto oppresso dalla fortuna, la cui arma antica, che di presente ancora portano è fregiata d'una sbarra d'oro con tre Rose rosse dentro, che passa frà due stelle d'oro in campo azzurro con sopra tre gigli. Cingolo di Bonaventura Urmi, morì al'impresa contro il Soldano d'Egitto. Corradino, Tomaso, e Filippo di Bonaventura, con Bonaventura furono del Consiglio degli 800. Sivino di Peregrino maritò Dina sua figliola in buon di Graffagnino Curioni famiglia antica venuta di Toscana, F. Castellano, era Cavaliere Gaudente, di Gio. Paolo di Bartolomeo fù marito di Cila di Robasconte Panzoni, Matteo d'Ugolino confinato per rivoluzioni. Santo di Pietro fù degl'anziani, Filippo di Bonuzzo fù degl' anziani, Giov. d'Ugolino fù degl'Anziani. Giacomo di Filippo fù marito di Riccardina di Passavante Urmi. Matteo di Giovanni nel Cosiglio generale Gugliemo di Passino andò contro Infedeli. Romanino di Mengozzo era nel Consiglio per la morte di Tadeo Pepoli. Lippo di Faciolo fù degl'Anziani, Nino di Ceccho degl'anziani, 1369, trattò la pace tra la Chiesa, e Perugini, Mino di Cecccho fù degl'Anziani. Giacomo di Giacomo degl'Anziani, Giovanni di Giacomo del Cons. dei 400, e degl'Anziani più volte, del 1379, e 1383, fù Confal. di Giustizia, e eletto dei 12 sopra la pace, dal Cons. fù mandato Ambasc. al Co. Lucio Tedesco, 1387, fù del Cons. dei 400, Ambasc. al Papa, e fù eletto a far l'importazione degl'Offici. Pasolino di Bartolomeo Antonio di Giacomo, Antonio di Ghinacci, Filianti una Immagine della B. V., Maria, la qual pittura rovinò per la nuova fabbrica di quell'Arca, la copia della detta Effige o vedura nelle Monache di S. Giovanni.


Compra un documento araldico su Urmi

Stemma della famiglia: Urmi

Blasone della famiglia

Troncato: nel primo di rosso alla spada d'argento posta in banda con la punta all'ingi
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome