Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Vainio, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili - Patrizi
Heraldik die Familie: Vainio
Krone des Adels Vainio
Giulio Cesare fu decurione di Cremona nel 1744 e suo figlio, dello stesso nome, giureconsulto collegiato, fu pure decurione nel 1789. La Magistratura sopra le regie ducali entrate dello Stato di Milano, con istrumento 17 dic. 1680, rogato dal notaio camerale Giuseppe Benaglia, fece investitura al nobile Giulio Cesare, di Gian Tommaso, ed ai di lui figli discendenti maschi legittimi e naturali sino all'infinito, del feudo antico retto, onorevole, nobile e gentile del luogo di Sigola nel Lodigiano e in caso di estinzione di linea, investì una femmina una volta tanto. Con altro istrumento 14... Fortsetzung folgt
marzo 1703, dello stesso notaro, il predetto Giulio Cesare fu investito del feudo di Mairago nel Lodigiano, con le stessi precedenti condizioni. Filippo V, re di Spagna e duca di Milano, con Diploma 20 nov. 1703, concesse inoltre al predetto il titolo di marchese da appoggiarsi ai feudi di Sigola e Mairago e trasmissibile ai di lui figli e discendenti maschi legittimi in ordine di primogenitura, diploma che fu interinato dal Senato milanese il 18 dicembre 1703. Detto titolo fu confermato poi con sentenza magistrale del 1719 e riconosciuto con Decreto 28 agosto 1770 dell'I.R. Tribunale Araldico della Lombardia Austriaca, il quale ordinò che il nome di Giulio Cesare fosse descritto nell'Elenco dei titolati e feudatari e che l'arma, fosse delineata nel Codice Araldico dello Stato. Altre notizie, di questa famiglia, sono riportate nell'Albo d'Oro delle famiglie nobili V. Spreti. Altro ramo. La famiglia Frisiani è nota in Milano sin dagli inizi del 1500 e fu ascritta a quel patriziato. Dall'Archivio Storico Municipale risulta che nel 1081 un Frisani era domiciliato a Milano ed ebbe un alite per confini col Monastero Maggiore. Un Gottardo fu dei XII di provvisione; un Giovanni nel 1795 faceva parte dell'Accademia dei Trasformati; nel 1796 un Carlo era dei XII di provvisione e fu dal Bonaparte inviato a Genoble con altri quale ostaggio per il pagamento dei 200 milioni imposte alla città di Milano quale contributo alle spese di guerra ed un Paolo, rinomato astronomo e letterato, fiorì nel secolo XIX e fu astronomo a Brera fino al 1880, anno in cui morì. Della famiglia si hanno le più antiche memorie in Reggio Emilia alla fine del XIV secolo ed ebbe per cognome originari, fu podestà di Genova, defunto nel 1593; Matteo Maria fu podestà di Modena nel 1564; Flaminio di Baiso nel 1617, di Soliera nel 1619, di Castelnuovo ne' Monti nel 1622, di Minozzo nel 1624, capitano di regione nel Camporgiano nel 1626, poi a Nonantola e in fine commissario di Sassuolo nel 1633.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Vainio

Familien-Wappen: Vainio

Blasonierung die Familie

D'azzurro, al leone d'oro, coronato dello stesso, impugnante colla branca anteriore destra una spada alta in sbarra, manicata d'oro.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome