Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Valperga Di Masino, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Marchesi
Heraldik die Familie: Valperga Di Masino
Krone des Adels Valperga Di Masino
Le conclusioni della critica storica riallacciano questa insigne e nobile famiglia al grande ceppo anscarico e più specificatamente alla discendenza di Guiberto fratello del re d'Italia Arduino marchese d'Ivrea. Mentre dai discendenti del re Arduino, privi della marca d'Ivrea e ristretti nei loro possessi al comitato rurale, originarono i conti di Castellamonte, largamente diramati, da Guiberto discesero i conti di Biandrate e i conti del Canavese. La discendenza di Arduino, la più illustre per gli insigni personaggi, che annovera, si divise in due grandi linee, di cui una origina da Giacomo ed ebbe termine con Carlo Francesco, di Amedeo Giovanni,... Fortsetzung folgt
e l'altra da Matteo, nipote di Matteo il Grande e pronipote del capostipite Arduino. La discendenza di Matteo, di Bertolino, aggiunse al proprio il cognome Sanctus, per il matrimonio di Giulio Cesare con Eugenia Margherita Sanctus di Pinerolo, erede della Motta-Sanctus. Fra gli ecclesiastici ricordiamo Pietro che fu vescovo di Ivrea nel 1118; altro Pietro che fu vescovo di Alba; Arduino, che fu vescovo di Torino. Interessantissimo è il castello di Masino per i ricordi storici contenuti, per le preziose collezioni artistiche e sabaude rigorosamente conservate. Motto della famiglia: Totius quo altius.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Valperga Di Masino

Familien-Wappen: Valperga Di Masino

Familien-Wappen Valperga Di Masino

1 Blasonierung die Familie Valperga Di Masino

Fasciato di oro e di rosso, alla pianta di canapa d'argento, attraversante.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome