Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Varchi, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldik die Familie: Varchi
Krone des Adels Varchi
Famiglia assai antica e nobile. L'origine di questo cognome, deriva dal nomen latino "Marcius" e, nei ricordi dei tempi andati, se ne leggono alcune varianti dovute alle solite cause della fonetica storica, della pronunzia dialettale e dal modo di interpretare nella scritturazione i cognomi, ma sono tutti, comunque, rami di un unico ceppo. I genealogisti Ganduccio, Giscardi e Della Cella, concordano nell'assegnare Recco per luogo d'origine dei Varchi. Di là vennero in Genova nel 1300. Nel chiostro della chiesa di S. Agostino esisteva nel 1313 il sepolcro di Giovanni e di Egidio, sul quale appariva l'arma con la banda dentata,... Fortsetzung folgt

caricata dal leone. Giovanni, notaro, fu anziano nel 1335, Nicolò nel 1349, Giorgio, genero di Antonio Fattinati, nel 1357, 1363, 1371, 1377, 1380. Nicola fu mandato nel 1379 a Pera con 3 galee: ivi giunto le pose in disarmo; saputo però di navi cariche di grano dirette a Costantinopoli all'imperatore Manuele il Paleologo, aderente ai veneziani, armò una galea e la spedì a catturarle; l'imperatore dal canto suo mandò navi armate a proteggere il convoglio, ma Nicola apprestò in 6 ore le altre sue galee e sconfisse completamente i nemici, saltando a bordo delle navi conquistate e conducendole a Pera, come si legge nel Foglietta e nel Giustiniani. Per questo atto, egli fu fatto franco di vitto e di vestito ed ebbe un annuo assegno, prima da quei di Pera e poi da Genova, ove nel 1387 fu anziano: andò pure ambasciatore al Re di Cipro nel 1400 e, fu podestà di Scio nel 1441, un altro Nicola; e così nel 1419, nel 1439, nel 1459 un Pietro, che fu anche Capitano di Caffa e di Famagosta e uno dei Capitani del popolo e difensore della libertà. Francesco fu ambasciatore al re di Sicilia. Donato fu capitano di Caffa (1466), priore degli anziani e uno degli ambasciatori al cardinal d'Amboise, al Cardinal di Rohan, a Lodovico il Moro. Pietro, suo figlio, nel 1447 fu Podestà di pera e poi di Galeta, ufficiale di bailia nel 1451, 1453, 1461. Barnaba ambasciatore al re di Sicilia, Filippo, Domenicano scrisse la vita di S. Caterina da Siena. Lodovico e Luchino intervennero al giuramento di fedeltà al Duca di Milano (1464). Nel 1500 si trovano iscritti fra i "mercatores nigri" Donato e Lodisio e fra gli "artifices nigri" Agostino. Nel 1528 furono ascritti alla nobiltà nell'Albergo De Marini: Stefano Agostino, Nicolò, Gregorio, Donato, Gio. Francesco, Pietro Simone, Gio. Stefano, paolo, Antonio, Lorenzo, Barnaba, Bernardo. Raffaello anziano nel 1545, 1549, 1551 fu vicario alla Spezia nel 1550 e capitano di galee.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Varchi

Familien-Wappen: Varchi

Blasonierung die Familie

D'azzuro alla banda doppio dentata d'argento caricata di un leone d'oro tenente una canna fogliata di verde posta in palo.
de Marchi o de Marchis della Liguria. Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol IV.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome