Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Venturi Casadio, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi
Araldica della famiglia: Venturi Casadio
Corona nobiliare Venturi Casadio
Il cav. Ippolito, del senatore Neri, con atto 10 marzo 1792, adottò per figlia Carolina, del cav. Pietro Colon, la quale si maritò col marchese Paolo Garzoni di Lucca. Nacque da questa unione, Marianna, alla quale l'avo di adozione, morendo nel 1817, lasciò la parte maggiore delle sue sostanze con obbligo di mantenere vivo il cognome della sua casa che veniva a spegnersi con lui. Marianna andò sposa al marchese Leopoldo Carlo Ginori Lisci; e venuta a morte nel 1862, si trovò che con testamento 14 maggio 1861 aveva istituito erede il nipote ex filio Ippolito, di Lorenzo, con l'onere... Continua

di assumere per suo primo cognome quello V.: ciò fu autorizzato con sentenza del tribunale di Firenze del 6 luglio 1901. La famiglia aveva dato alla Repubblica 21 priori e 5 gonfalonieri di giustizia; e 5 dei suoi membri erano stati chiamati, durante il Principato, a far parte del Senato dei Quarantotto. Nell'attuazione della legge del 1750 sulla nobiltà e cittadinanza in Toscana era stata iscritta nel Libro d'Oro dei Patrizi di Firenze, con decreto 19 aprile 1751. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano coi titoli di marchese di Riparbella (mf.), nobile dei conti di Urbeck (mf.), patrizio fiorentino (mf.), in persona di Ippolito, di Lorenzo, di Carlo Ginori Lisci. Figli: Roberto, Nello, Maria Anna. Motto della famiglia: Omne trinum perfectum; Quid pulchrius lumine trino?


Compra un documento araldico su Venturi Casadio

Stemma della famiglia: Venturi Casadio

Blasone della famiglia

Di rosso, al giglio d'oro, accompagnato da quattro bisanti dello stesso e la fascia del secondo attraversante.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome