Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Vertematese, provenienza: Italia

Titolo: Baroni
Araldica della famiglia: Vertematese
Corona nobiliare Vertematese Antica e nobile famiglia, originaria di Milano, la quale nel XI secolo possedeva il castello, posto fra Milano e Como, con piena giurisdizione, e dal quale trasse il proprio cognome. Ruggero di Opicino Vertemate, essendo stato creato nel 1217 dai Rusconi signori di Como podestà di Piuro, stabilì quivi la propria famiglia. Lanfranco, nepote ex-filio di Opicino, fu nel 1331 sindaco del comune di Piuro con autorità di correggerne gli statuti. Giovanni-Baldassarre, suo figlio nel 1414 fu podestà di Piuro. Da lui derivarono un Giovanni-Andrea creato nel 1480 famigliare della duchessa Bona e del duca Gian Galeazzo Sforza; un Giulio-Ascanio... Continua

cavaliere di bocca dell'imperatore Massimiliano; un Nicolò feudatario di Olgiasca nelle tre pieve del Lario, ed aggregato, insieme a' suoi discendenti, alla cittadinanza di Milano nel 1601; un Carlo podestà di Piuro nel 1625; un Francesco, di lui figlio, esimio giureconsulto, ascritto insieme a' suoi successori, dalla Repubblica delle Tre Leghe alla cittadinanza della valle delle Sorsette nel 1674, e poi a quella della Comunità dei Molini nel 1682, e finalmente eletto landamano della suddetta valle delle Sorsette e capitano della milizia urbana di Piuro: un Nicolò segretario dell'Imperatore Carlo VI nel 1731; ed un Baldassarre, creato barone dell'impero nel 1795.


Compra un documento araldico su Vertematese

Stemma della famiglia: Vertematese

Blasone della famiglia

Di oro alla fascia di rosso accompagnata nel capo da due rose e nella punta da nove punte di lancia disposte 5, 3, 1, il tutto di rosso.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome