Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Villa, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili - Cavalieri - Conti - Baroni - Marchesi - Visconti - Signori - Consignori
Variações Sobrenome: Villa (de, del della)
Heráldica da família: Villa
Variações Sobrenome: Villa (de, del della)
Coroa de nobreza Villa Nobile famiglia padovana, la quale venne trapiantata in Ferrara, nel XV secolo, da Lancelotto, uomo di un distinto merito, che si dedicò ai servigi del Marchese Niccolo III. La famiglia, nel XVII secolo, divenne una delle più illustri del luogo, assai feconda di uomini grandi in materia militare. Agostino, del fu Lancelotto, fu innalzato dal detto Marchese Niccolò III, al grado di suo Consigliere segreto e Segretario, contribuendo molto alla buona reggenza del Governo, tanto che venne confermato nelle stesse cariche anche dal successore di Niccolò III. Egli, poi, andò ambasciatore al Re Alfonso d'Aragona, per trattare del matrimonio si... Continua

sua figlia D. Maria, con med. March. Leonello. Quando il March. Borso, dopo la morte di suo fratello, assunse il governo, egli era Giudice sei Savi e come capo del Pubb. gli presentò lo stocco del comando. Essendo pure in questa dignità, assistette alla funzione, che si fece nel 1451, all'occasione d'innalzare sulla Piazza la statua equestre del March. Niccolò III. Un altro Agostino Villa servì, da giovine, il Duca Borso. Essendo stato fatto Cavaliere e suo intimo cameriere, sperimentò in più di un impiego qual risalto fosse capace di dare alle azioni di un ministro: andò per lui Capitano in Modena, Commissario nella Montagnana e fu creato Governatore di Reggio. Francesco Villa si distinse nel delicato maneggio di unire il Papa ed il Duca di Ferrara. Quest'ultimo, per i fedeli servigi, gli procurò, dall'Imperatore, il titolo onorevole di Conte Palatino. Ercole Villa, suo figlio, guerreggiando, morì in una delle battaglie di Fiandra, sotto Anversa. Alfonso Villa, di lui fratello, si distinse nelle guerre del Piemonte, di Piccardia e di Toscana; le sue azioni di valore gli procurarono l'onore di essere fregiato dell'Ordine di Cavaliere dell'Annunziata, di Gran Ciambellano, di Consigliere di Stato e di Marchese di S. Michele. Guido Villa, figlio del precedente, si rese un gran Generale, nel secolo XVII. Giovanni, di lui fratello, dopo molti prestigiosi incarichi, decise di farsi prete, coltivando il suo amore per le lettere. Francesco, suo figlio, tenne alta la gloria del proprio cognome, pugnando con ardore in Candia, ove perì gloriosamente, sotto un colpo di artiglieria. Galeazzo Villa, di lui fratello, fu fatto Colonnello di Cavalleria a soli 22 anni. Lancelotto, ultimo figlio di Giovanni, amante delle lettere ma valoroso guerriero, fu primo Comandante di un reggimento di Cavalleria Francese e Colonnello della Cavalleria, nelle truppe di Savoia. Ghiron Francesco Villa, poi, fu uno dei più celebri guerrieri che il secolo XVII abbia mai prodotto. Alla sua morte, la moglie March. Camilla Bevilacqua, fece trasportare le ceneri del marito da Torino in Ferrara, ponendole nel magnifico mausoleo, che si vede nel Tempio di S. Francesco. Saranno sempre ricordati a sua gloria gli assedi di Torino e di Alessandria della Paglia, la rotta data ai Francesi sotto Saint Peyre, la resistenza contro i medesimi al Passo di Susa, le sue campagne di Avigliana, di Tornavento, di Mombaldone, la presa di Spigno, di Crescentino, di Castelmagno etc., le giornate di Buttigliera, della Rocchetta, di Carpignano etc., la resa di Valenza e, finalmente, fra molte altre sue, l'assedio di Candia. Lo stesso, poi, fu Conte di Camerano, Marchese di Ciliano, di Volpiano e di Settimo, Visconte della Stessa, Barone della Costa di S. Andrea e Cavaliere dell'Annunziata. La famiglia levò per arme. Inquartato, al 1º e 4° partito, di rosso, al puledro d'argento, spaventato e rivoltato, e di rosso, a due fasce d'argento, squamose del campo; al 2º e 3º d'azzurro, al leone d'oro; sul tutto, di Savoia. Alias. Inquartato, al 1º di rosso, al puledro d'argento, spaventato e rivoltato; al 2º e 3º


Compre um documento heráldico sobre família Villa

Escudo da família: Villa
Variações Sobrenome: Villa (de, del della)

Escudo da família Villa

1 Brasão da família Villa

Sbarrato d'azzurro e d'oro, il primo caricato di tre stelle (6) d'argento ordinate in banda; col capo di rosso, caricato di una crocetta scorciata, d'argento.

Ramo insediato in Piemonte e U.S.A, citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. terzo, pag. 94, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo da família Villa

2 Brasão da família Villa

D'azzurro al castello merlato alla guelfa d'argento, aperto di nero, piantato sopra una campagna di verde e attraversante sopra un albero al naturale.

Ramo insediato in Bergamo, citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. terzo, pag. 94, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo da família Villa (di,de,della ..)

3 Brasão da família Villa (di,de,della ..)

Inquartato; nel 1° di rosso, al puledro spaventato e rivoltato d'argento; nel 2° e 3° di rosso, a due fasce d'argento squamose del campo; nel 4° d'azzurro, al leone d'oro, lampassato di rosso; e sul tutto di rosso, alla croce d'argento. Motto: Ardet Excita Virtus.

Ramo Emiliano, originario dal Veneto, insignito del titolo di Marchesi di Cigliano, citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. terzo, pag. 94, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo da família Villa

4 Brasão da família Villa

D'azzurro, a due fasce di verde, per inchiesta, sormontate da un castello d'argento.

Ramo Ligure, insediato in Genova, citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. terzo, pag. 94, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo da família Villa

5 Brasão da família Villa

Spaccato d'argento e di nero.

Ramo Siciliano, insediato in Terranova, citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. terzo, pag. 94, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo da família Villa

6 Brasão da família Villa

Di rosso, alla torre d'argento davanti ad un albero sradicato di verde, visibile dalla porta della torre.

Ramo Emiliano, originario dal Veneto, citato in Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", suppl. II, pag. 659.

Escudo da família Villa (di,de,della ..)

7 Brasão da família Villa (di,de,della ..)

Inquartato, al 1º e 4° partito, di rosso, al puledro d'argento, spaventato e rivoltato, e di rosso, a due fasce d'argento, squamose del campo; al 2º e 3º d'azzurro, al leone d'oro; sul tutto, di Savoia.

Ramo Emiliano, originario del Veneto, citato in "Motti Araldici editi di famiglie italiane" Umberto Dallari.

Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook