Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origin of last name Vitti, country of origin: Italia

Nobility: Nobili - Conti
Last Name variations: de Vitti
Heraldrys of family: Vitti
Last Name variations: de Vitti
Nobility crown Vitti Antica ed assai nobile famiglia di Altamura, poi passata anche in Roma e Picerno, di chiara ed avita virtù, conosciuta come Viti o Vitti (de), propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia e d'Europa. L'origine di tal cognominizzazione andrebbe ricercata in una variazione del cognomen latino "Vitus". In ogni modo, la casata appartenne alla nobiltà di Altamura sin da tempi assai remoti. Nell'anno 1600, essa divenne feudataria della terra di Carafa, in Calabria mentre nell'anno 1714 fu fregiata dall'Imperatore Carlo VI del titolo di conte trasmissibile per ordine di primogenitura. Essa fu poi ricevuta, per giustizia, nel S.M.... To be continued
Ordine di Malta e per onore e devozione, come quarto della famiglia d'Alessandro (Gran Magistero Roma, Proc. on. e dev. n. 114). Molti componenti della famiglia, inoltre, furono confratelli dell’Augustissima Compagnia della Disciplina della Santa Croce, prima arciconfraternita laicale sorta a Napoli nel 1290 con il silenzioso auspicio del Pontefice Nicolò III, al secolo Giovanni Gaetano Orsini (1216 † 1280), ricordato anche da Dante (Inferno, XIX, 70-72). Un altro ramo della famiglia, invece, fu iscritto nel Libro d'Oro della Nobiltà Italiana col titolo di nobile dei conti (mf.), in persona di Alfredo, di Pasquale, di Vincenzo, n. Picerno, 29 luglio 1876, spos. Bisceglie 17 ottobre 1895 con Vincenza Pellegrini. Fratelli: Iole, n. Roma, 13 gennaio 1901; Mario Pasquale, n. Roma, 11 aprile 1908. Altra famiglia. Nobile casato toscano, con residenza nella città di Pisa, conosciuto come Vitta o Vitti(de). Tra i personaggi che, maggiormente, hanno reso lustro a casato, ricordiamo: Filippo, dottore in l'una e l'altra legge, fiorente nel 1538; Giacomo, notaio pisano, fiorente nel 1548; Alessandro Niccolò, proprietario terriero, fiorente nel 1593; P. Angelo, dell'Ordine dei Minori Riformati, fiorente nel 1604; Luigi, milite di professione, che passò a risiedere nel Veneto; D. Guido, protonotario apostolico, fiorente nel 1627. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Buy a heraldic document on family Vitti

Coat of Arms of family: Vitti
Last Name variations: de Vitti

Coat of Arms of family Viti

1 Blazon of family Viti

D'azzurro alla banda di rosso accompagnata in capo da una stella di otto raggi dello stesso, ed in punta da un tralcio di vite di uva al naturale, scorciato e posto in banda.

Viti di Campania, Umbria e Lazio; Si trovano anche le forme cognominali Vitti (de) e Viti (de). Fonte: Archivio Storico di Heraldrys Institute of Rome.

Coat of Arms of family Viti

2 Blazon of family Viti

Due tralci di vite pampinosi e fruttati, moventi da un terreno, e passati in doppia croce di S. Andrea.

Viti(de) o Vitti(de) di Urbino. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.III, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Coat of Arms of family Vitta

3 Blazon of family Vitta

Di..., alla banda di..., caricata di tre clave (?) di..., poste nel senso della pezza.

Vitta o Vitti(de) della Toscana. L'interpretazione delle clave nell'unico esemplare presente nel fascicolo n.6706 non è certa. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze.

Buy Coat of Arms of family

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome