Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Voppola, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili - Principi-Baroni
Heraldik die Familie: Voppola
Krone des Adels Voppola
Famiglia originaria di Napoli e della quale si hanno antichissime memorie. Ai tempi dell'imperatore Alessio, un Giovanni donò alcuni beni al monastero di S. Pietro. Nel 1275 un Tommaso, da Scala, insieme con altri di quella contrada, prestò mille once d'oro a re Carlo, ricevendo in pegno la corona reale adorna di gioielli. Guglielmo fu nominato collettore nel seggio di Portanova per riscuotere la dote di Isabella, figliuola di re Carlo. Nel 1454 un Luigi, apparteneva al seggio di Portanova, era maestro portolano. Un Francesco, conte di Sarno, ebbe gran parte nella famosa congiura dei baroni. Aveva,infatti, fatto società commerciale... Fortsetzung folgt
con Ferdinando I, dalla quale aveva tratto ingenti ricchezze. Scioltasi questa, sovvenne il re di danaro e navi, ricevendone in cambio il contado di Sarno, e poi quello di Cariati; fu fatto anche grande ammiraglio. Ma avendo avuto sentore che il duca di Calabria, poi Alfonso II, aveva proposto al re d'impadronirsi delle sue sostanze e di quelle di altri signori ritenuti poco ligi alla Corona, s'accordò segretamente con questi allo scopo di mettere sul trono Renato d'Angiò. Al detto accordo aderirono i principali baroni del regno, fra i quali Antonello Sanseverino, principe di Salerno, Girolamo Sanseverino, principe di Bisignano, Pirro del Balzo gran contestabile e principe d'Altamura, Giovanni Caracciolo duca di Melfi, e molti altri, nonchè lo stesso papa Innocenzo VIII. Non è questo il luogo di narrare tutti gli avvenimenti che se seguitono. Solo diciamo che la congiura fallì per la sopravvenuta pace tra il pontefice e Ferdinando I, il mancato invervento di Renato d'Angiò e le blandizie usate dal re verso i ribelli, ai quali promise più ampio perdono. S'era intanto progettato il matrimonio tra il figliuolo del conte di Sarno con la figlia di Antonio Piccolomini, duca d'Amalfi, nipote del re. Fu perciò il Voppola invitato in Castelnovo assieme ad altri baroni. Ad un segnale convenuto, egli assieme al conte di Carinola, al segretario Petrucci, al conte di Policastro ed altri furono fatti prigionieri. Il conte di Carinola fu attaccato alla coda di un bue e fatto a pezzi nella piazza del Mercato. Il conte di Sarno ed il Petrucci giustiziati l'11 maggio 1487.L'Arma della famiglia Voppola: D'azzurro alla coppa d'oro, circondata da cinque gigli del medesimo.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Voppola

Familien-Wappen: Voppola

Blasonierung die Familie

D'azzurro alla coppa d'oro, circondata da cinque gigli del medesimo.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome