Heraldrys Institite of Rome
Italiano english english Español Português Português Deutsche

Origin of lastname Zaccheo, country of origin: Italia

Nobility: Nobili - Conti

Coat of Arm and Blason of family Zaccheo: Di rosso, ad una cotta di maglie d'argento, posta in palo.

Coat of Arm and Blason of family Zaccheo

Antica ed assai nobile famiglia di Cannobio, di chiara ed avita virtù, propagatasi, nel corso dei secoli, in Brissago, Colmegna, Intra, Arona, Ameno, Miasino ed in Milano, città ove fu chiamata Cannobio. L'origine di tal cognominizzazione, al dir di autorevoli genealogisti, andrebbe ricercata nel personale latino, di derivazione greca, "Zacchaeus", appartenuto, probabilmente ad un, oggi ignoto, capostipite. In ogni modo, la chiara nobiltà del casato è testimoniata dalla presenza della .... continua

sua blasonatura, nella pregevole opera "L'Armorial General", di J.B. Rietstap. Ma, d'altronde, tal casato, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscito a distinguersi, grazie agli elevati personaggi, a cui ha dato i natali. Tra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, ricordiamo: Filippo, notaio, vivente in Cannobio, nel 1439; Antonio, notaio in Ossola, fiorente nel 1453; Ottone, dottore in "utroque jure", vivente in Cannobio, nel 1489; Maurizio, ingegnere camerale in Milano, nel 1494; Goffredo, dottore in "utroque jure", vivente in Arona, nel 1564; P. Luigi, dell'Ordine dei Predicatori, uditore e preposito del proprio ordine, vivente in Ossola, nel 1532; Camillo, protomedico, vivente in Milano, nel 1612; Domenico, il quale, nel 1623, fece costuire una cappella gentilizia in S. Protaso e la fece dipingere da Daniel Crespi; Tommaso, suo figlio, Capitano, poi Sergente Maggiore, il quale si segnalò nelle guerre di Fiandra; Gregorio, dottore in Sacra Teologia, lettor di filosofia, presso varie università, vivente in Milano, nel 1676; Saverio, notaio e saggista, vivente in Milano, nel 1725; Faustino, medico-chirurgo, vivente in Milano, nel 1741; Giuseppe, milanese, benemerito della libertà italiana, capitolato nella guerra di Crimea, ove si distinse per onore e capacità militari. La famiglia levò per arme. Di rosso, ad una cotta (ossia giacchetta) di maglie d'argento, posta in palo. Alias. Di rosso, a tre fasce ondate d'oro, con il capo d'azzurro, carico di un'aquila nascente, d'argento. Altro ramo. Famiglia spoletina, detta Zaccheo o Zacchei, le cui prime sicure notizie rimontano al 1155, ovvero quando, distrutta la città dal Barbarossa, uno della famiglia di nome Gregorio compare tra gli ostaggi presi dall'imperatore. Nel 1251, nella pace stipulatasi tra i guelfi ed i ghibellini di Spoleto, tra gli intervenuti figura anche un Giacomo e, sotto gli anni 1278 e 1279, si vedono fra i podestà di Cerreto di Spoleto due suoi figliuoli, ossia Lucchetto e Pietro. In questa famiglia nel 1755, per via matrimoniale, si estinsero i Travaglini, originari da Ferrara ed aggregati dal 1726 alla nobiltà spoletina, donde l'assunzione del doppio cognome ed arma. Tra i più recenti personaggi ricorderemo: Valerio, che, nel 1809, fu chiamato a far parte della reputazione degli Stati Romani incaricata di recarsi a Parigi per ossequiare l'imperatore, dal quale venne nominato cavaliere della Legion d'Onore; Carlo, che, nel 1904, per spiccati meriti personali, ottenne da Sua Maestà Vittorio Emanuele III la rinnovazione del titolo di conte, già portato da un Vincenzo, uomo chiarissimo vissuto
Notice Important: Please be informed that all informations available are just a small part of the data base, it's just an authomatic reply not part of a research. Should you really wish to have a professional research have a look to our products page. For any further info, please feel free to get in contact with us.
© 2013 - 2014 Heraldrys Institute of Rome