Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Zasso, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Zasso
Corona nobiliare Zasso
Famiglia assai antica e nobile, detta Assi o Asso, originaria della Spagna, propagatasi, nel corso dei secoli in diverse regioni d'Italia ove i suoi membri, accolti nelle importanti cariche delle città dove ebbero dimora, furono cospicui ed acquisirono la nobiltà. Ávalos de la Picina, nella sua "Crónica de Navarra" riferisce che questo casato trae origine dalla terra di Aragona, al tempo del Re Sancho García. In particolare, deve provenir da Aso de Sobremonte, da cui prese, in parte, il nome e, fin dall'antichità, ha posseduto feudi nel villaggio di La Muela, Comune di El Pueyo de Araguás, distretto giudiziario di... Continua
Boltaña (Huesca). Un altro ramo stabilì la propria dimora nel distretto giudiziario di Jaca ed un altro ramo,invece, nella città di Biescas. John, nel 1411, si oppose, con altri nobili signori, alla proclamazione, come Re d'Aragona, di Fernando el de Antequera; Peter Martin e John Zasso, hanno preso parte al Parlamento di Saragozza, nel 1446; Mathias, nativo di La Muela solare, fu vescovo di Huesca; Francisco, fu assai erudito religioso. Bartolomeo, nativo di Sasal, fu Canonico della Cattedrale di Jaca. I cognomi così antichi rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Compra un documento araldico su Zasso

Stemma della famiglia: Zasso

Blasone della famiglia

Spaccato d'argento e di rosso, a tre stelle di sei raggi dall'uno nell'altro.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome