Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Zinati, provenienza: Italia

Titolo: Conti
Araldica della famiglia: Zinati
Corona nobiliare Zinati La famiglia riconosce come capostipite un Filippo, genovese vivente nella seconda metà del secolo XV, padre di Pietro, che dopo essere vissuto alla Corte di Francesco I, re di Francia, si stabilì a Parma, ove morì nel 1521 senza figli e fu sepolto nella chiesa degli Agostiniani detti Eremitani, ove riposarono i resti dei successivi membri della famiglia. Da Agostino, fratello di Pietro, si ritiene discendessero dalla dinastia di Milano oggi estinti. Stefano, altro fratello di Pietro, fu padre di Giovanni, appartenente ai priori della Congregazione di Carità di Parma, che ebbe per figlio Pietro, dottore in medicina e... Continuafilosofia, al servizi di casa Farnese, accolto nel consiglio della città, morto priore del Collegio dei medici il 2 marzo 1601. Sposò Emilia Galimberti da cui ebbe: Giambattista, Giovanni ed Orazio. Giambattista primogenito sposò la nobile Lucrezia della Torre e continuò la discendenza. Giovanni dottore in legge, fu da prima podestà di Monticelli, poi governatore di Castellamare, commissario in Val di Taro, indi vescovo di Borgo San Donnino e dal 1620 vescovo di Piacenza, ove godè fama di prelato virtuoso. Orazio distinto giureconsulto, fu primo segretario e cancelliere del duca Ranuccio Farnese; non ebbe prole e lasciò eredi i fratelli Ercole, Pietro, Ranuccio e il nipote Ottavio istituendo un fidecommisso in favore dei successori.
Compra un documento araldico su Zinati

Stemma della famiglia: Zinati

Blasone della famiglia

D'azzurro al pioppo nudrito sulla pianura erbosa il tutto al naturale, e accompagnato in capo da un crescente d'argento.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome