Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origin of last name Zorengo, country of origin: Italia

Nobility: Marchesi
Heraldrys of family: Zorengo
Nobility crown Zorengo
La famiglia proviene dalla Provenza, e, al dire di vari genealogisti, avrebbe comuni origini con la Casa Sovrana degli Orange. Stabilitasi a Nizza e a Ventimiglia, godette nobiltà da antico tempo. Fu insignita del patriziato Romano con Gio. Angelo nel 1698; Papa Clemente XVI con Breve del 29 settembre 1771 concesse il titolo di marchese a Giovanni Francesco e ai suoi discendenti per linea mascolina; un altro ramo della famiglia fu ascritto alla nobiltà genovese nel 1767 in persona di Angelo, d'anni 58; di Pasquale, suo figlio, d'anni 34 e di Giovanni Battista, d'anni 9, figlio di quest'ultimo.... To be continued
Nel 1774 Gio. Francesco fu investito della contea di Roccasterone da lui acquistata; un ramo passato in Piemonte, ed ora estinto, ebbe nel 1845 titolo di barone. La concessione di Clemente XIV fu meritata ricompensa alla fedeltà sempre dimostrata dagli Zorengo alla Santa Sede. Guelfi di antica data per sfuggire ai ghibellini avevano dovuto rifugiarsi sulle montagne, donde ridiscesero nel 1450 sotto la protezione di Casa Savoia, che aiutarono nella difesa della contea di Nizza dai francesi. Molteplici istituzioni pie e di pubblica utilità sono dovute alla loro pietà e carità: così per esempio le scuole fondate nel 1686 da donna Devota, il Conservatorio delle Canonichesse Lateranensi, il Convento dei Minori Osservanti, una Cappella nella Cattedrale di Ventimiglia. Ebbero vasti possedimenti, castelli, palazzi in cui ospitarono Elisabetta Farnese in viaggio per la Spagna. Fra i personaggi da ricordare sono: Lodovico, preposito della Cattedrale di Ventimiglia dal 1571 al 1574; Clemente e Giovanni Battista, inviati a prestare omaggio a Don Felice di Savoia nel 1625; Marcantonio, degno filosofo e medico, autore di un'opera sulla cura degli appestati, vivente nel 1630; Antonio, altro dei sindaci di Ventimiglia nel 1636 e 1642; Gio. Angelo, priore del Consiglio. Nel 1643 Ignazio, dell'ordine dei Minimi scrisse opere teologiche. Un altro Gio. Angelo, dedicatosi agli studi teologici, vi conseguì brillantemente la laurea a 26 anni; abbandonata però la carriera ecclesiastica, e ammogliatosi, si trasferì nel Regno di Napoli, ove ebbe il governatoriato di Matera e di altri luoghi; morì nel 1731 a Gaeta il 17 febbraio. Don Filippo, il di lui fratello, fu vicario generale della Diocesi nel 1747.
Buy a heraldic document on family Zorengo

Coat of Arms of family: Zorengo

Blazon of family

Spaccato: nel primo d'azzurro, al giglio d'oro; nel secondo palato d'azzurro e d'oro attraversante sulla partizione.
Buy Coat of Arms of family

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome